TURCHIA. Il Turkish Stream apre l’8 gennaio 2020

263

La Turchia lancerà l’8 gennaio il gasdotto TurkStream, ha detto il ministro dell’Energia e delle risorse naturali, Fatih Dönmez, il 27 dicembre scorso: «Lanceremo TurkStream l’8 gennaio. Saremo indispensabili sui mercati internazionali con gasdotti di gas naturale provenienti sia da est che da nord», ha detto Dönmez in un incontro nella provincia nord-occidentale di Bilecik, riporta Hurriyet.

Riferendosi all’inaugurazione del collegamento europeo del gasdotto Trans-Anatolian Natural Gas Pipeline, Tanap, il 30 novembre, Dönmez ha detto: «Quando il Tanap è stato firmato per la prima volta, la gente aveva detto che il progetto era un sogno. E ora, dopo Tanap, stiamo concludendo un altro gigantesco progetto. Se da un lato TurkStream e Tanap garantiranno che la nostra nazione utilizzi il gas naturale senza problemi, dall’altro svolgeremo un ruolo chiave nel garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di gas naturale in Europa».

Il progetto Nord Stream – operativo dal 2011 con una capacità annua di 55 miliardi di metri cubi – porterà il gas russo direttamente in Germania attraverso il Mar Baltico. Il Nord Stream 2, guidato da Gazprom, è quasi completato e ha la stessa capacità annuale, correndo quasi parallelamente al primo tracciato del gasdotto; insieme soddisferanno la domanda annuale di gas di un quarto del continente europeo.

Il gasdotto Turkish Stream, riporta 112 UA, ha una capacità totale di 31,5 miliardi di metri cubi, di cui la prima linea fornirà ai consumatori turchi una capacità di 15,75 miliardi di metri cubi di gas russo. La seconda linea fornirà altri 15,75 miliardi di metri cubi di gas all’Europa attraverso Turchia, Bulgaria, Serbia e Ungheria.

Fino alla fine di maggio 2020 è prevista la costruzione di un tratto di 308 chilometri del gasdotto dal villaggio bulgaro di Polski-Senovec al confine con la Serbia. Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il gas arriverà in Turchia attraverso il gasdotto Turkish Stream prima della fine del 2019.

Maddalena Ingrao