TURCHIA. Il PIL è balzato in alto nel 2023 dopo molti anni

141

Il prodotto interno lordo della Turchia è cresciuto del 4,5% nel 2023, spingendo per la prima volta le dimensioni dell’economia oltre i mille miliardi di dollari.

L’espansione deriva dai forti consumi delle famiglie, che costituiscono circa il 60% del PIL del Paese. Le attività finanziarie e assicurative sono cresciute del 9% mentre il settore delle costruzioni è cresciuto del 7,8%, riporta Nikkei.

Il PIL pro capite è stato di 13.110 dollari, il più alto mai registrato. Membro del G20, la crescita annuale della Turchia ha leggermente superato le previsioni del governo per un’espansione del 4,4%. I dati Reuters avevano mostrato una crescita media del 4,3%.

L’economia turca è cresciuta del 5,5% su base annua nel 2022. Ciò è avvenuto sulla scia di una politica di tassi di interesse reali negativi estremamente bassi per volere del presidente Recep Tayyip Erdogan, nonostante l’impennata dell’inflazione.

La politica ha anche creato squilibri e drenato le riserve estere mentre la banca centrale cercava di difendere la lira, alimentando i timori di una crisi della bilancia dei pagamenti.

Sul fronte politico, la politica della “crescita a tutti i costi” ha aiutato Erdogan a vincere le elezioni presidenziali e parlamentari dello scorso maggio. Dopo le sue vittorie elettorali, il presidente ha nominato ministro delle finanze Mehmet Simsek, ex banchiere di Wall Street, e ha acconsentito a un’inversione di marcia politica che indirizzasse la Turchia in una direzione economicamente ortodossa: ”La Turchia non ha altra scelta che ritornare su un terreno razionale”, disse all’epoca Simsek.

Dopo le elezioni, Ankara ha anche nominato un nuovo governatore della banca centrale, che ha immediatamente iniziato ad aumentare i tassi. A gennaio, il tasso ufficiale della banca era stato aumentato di 36,5 punti percentuali, portandolo al 45%. A quel tempo, l’inflazione annuale nella nazione di oltre 85 milioni era pari al 65%.

La banca centrale prevede che l’inflazione raggiunga il picco superiore al 70% a maggio per poi scendere al 36% entro la fine di quest’anno.

La Turchia ha subito due devastanti terremoti che hanno ucciso più di 50.000 persone nel febbraio 2023, e che si stima siano costati al paese più di 100 miliardi di dollari.

Gli esperti turchi si aspettano che l’economia cresca a un ritmo più lento quest’anno, intorno al 2%, al di sotto della media del 2,9% dei dati Reuters e ben al di sotto delle aspettative del governo per un’espansione del 4%.

La banca centrale potrebbe aver bisogno di aumentare ulteriormente i tassi dopo le elezioni locali del 31 marzo.

Il rischio maggiore per il 2024 è che i politici perdano la pazienza e si muovano troppo presto per tagliare i tassi di interesse o adottare altre politiche per stimolare la domanda di prestiti in nome di alimentare la crescita.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/