TURCHIA. Grazie alla guerra in Ucraina, Ankara vende armi in Asia

236

Il 6 aprile sono stati consegnati i primi elicotteri di attacco turchi alle forze armate filippine nella base aerea Col. Jesus Villamor a Manila: due elicotteri d’attacco T129 prodotti in Turchia.

Sono i primi elicotteri di questo tipo ad essere posseduti dalla forza aerea filippina, ha aggiunto il ministro della Difesa Delphin Lorenzana, secondo la Philippine News Agency. Alla cerimonia ha partecipato anche Ismail Demir, capo della presidenza governativa delle industrie della difesa, che riferisce direttamente al presidente Recep Tayyip Erdogan.

Il T-129 Atak è stato sviluppato congiuntamente dalla compagnia statale Turkish Aerospace e dall’italiana Leonardo S.p.A. per missioni di attacco e ricognizione, adatto a servire in aree geografiche difficili sia di giorno che di notte.

Secondo Nikkei Asia, il piano è di consegnare altri due elicotteri quest’anno e altri due l’anno prossimo. Nonostante le battute d’arresto del Covid-19, i paesi dell’Asia-Pacifico stanno aumentando le spese per la difesa. Un sondaggio pubblicato la scorsa settimana dallo Stockholm International Peace Research Institute ha rilevato che la spesa per la difesa nel 2021 aumenterà del 7,3% in Giappone, del 7,1% a Singapore, del 4,7% in Corea del Sud e del 4% in Australia.

Il successo dei droni d’attacco forniti dalla Turchia in Ucraina ha certamente attirato l’attenzione dei responsabili degli acquisti in tutta la regione. Quelli attratti dai prezzi più bassi ora hanno una ragione in più per scegliere le armi turche. In aprile, 12 aziende della difesa turche hanno mostrato i loro prodotti e servizi alla mostra Asian Defense and Security tenutasi nelle Filippine. Questo ha seguito 32 aziende e istituzioni turche che sono apparse alla mostra Defense Services Asia in Malesia, tenutasi il mese prima.

L’appaltatore statale turco della difesa Asfat ha detto che l’azienda è stata selezionata insieme alla Hyundai Heavy Industries della Corea del Sud per fornire 6 navi da pattugliamento offshore alle Filippine per circa 600 milioni di dollari; mentre Manila vuole rigettare un accordo con l’australiana Austal a causa di disaccordi sui prezzi. Se Asfat vincesse, sarebbero le prime esportazioni sia del pattugliatore d’altura che del veicolo di superficie armato senza equipaggio.

Anche altri clienti asiatici stanno bussando alla porta della Turchia. Il Pakistan, che ha comprato 4 corvette da Asfat per 1 miliardo di dollari, tra cui due che saranno costruite a Karachi, sta ora cercando di acquistare droni turchi. La Baykar Defense è in “fasi avanzate di colloqui” con il Pakistan sia per il suo principale drone armato TB2, sia per la sua versione aggiornata, Akinci, che significa “raider” in turco.

Il TB2, che ha distrutto innumerevoli camion di rifornimento russo e sistemi di difesa missilistica in Ucraina, è stato venduto a 19 paesi finora, tra cui Turkmenistan e Kirghizistan. Il più recente Akinci ha una capacità totale di carico utile che è 10 volte più grande, e comprende munizioni, sensori e telecamere.

Il recente ritmo di sviluppo della Turchia è alimentato anche dalle sanzioni che deve affrontare. Dopo che la Turchia ha acquistato il sistema di difesa terra-aria S-400 dalla Russia, è stata esclusa dal programma di jet da combattimento F-35. Anche l’ente dell’industria della difesa turca è stato sanzionato. Incapace di comprare droni americani e dopo aver affrontato problemi tecnici con quelli acquistati da Israele, la Turchia ha iniziato a sviluppare un proprio programma di droni militari.

Gli appaltatori turchi competono con aziende indiane, cinesi, sudcoreane e italiane per gli ordini. Un vantaggio per Ankara è la sua volontà di impegnarsi nella produzione locale congiunta, che è generalmente popolare tra i clienti asiatici.

Turkish Aerospace sta cercando di attirare le autorità malesi con un’offerta di produrre 15 aerei da addestramento o da combattimento leggero in Malesia, dopo aver prodotto i primi tre aerei di questo tipo in Turchia. Ankara sta facendo una “chiamata aperta” a paesi come il Pakistan, la Malesia, l’Azerbaijan e il Qatar per unirsi ai grandi progetti di sviluppo della difesa, tra cui l’aereo da combattimento TF-X, che viene sviluppato dalla Turkish Aerospace.

Le esportazioni dell’industria della difesa e aerospaziale turca sono salite l’anno scorso alla cifra record di 3,2 miliardi di dollari. Questo è raddoppiato rispetto agli 1,6 miliardi di dollari registrati nel 2016; l’industria mira a raggiungere i 4 miliardi di dollari quest’anno.

Lucia Giannini