TURCHIA. GETIR smentisce ogni accordo che la svaluterebbe

309

La società turca di consegne ultrarapide di generi alimentari Getir ha smentito la notizia di un accordo che avrebbe dimezzato la sua valutazione a 6,5 miliardi di dollari.

Sebbene la startup, che ha otto anni di vita, abbia dichiarato di essere sempre in trattativa con gli investitori per ottenere nuovi finanziamenti, in un comunicato del 20 aprile citato da Reuters ha aggiunto che: «Le recenti voci che sostengono che Getir abbia raccolto finora 500 milioni di dollari con una valutazione di 6,5 miliardi di dollari non sono corrette. Se e quando concluderemo un round strutturato o un prezzo, condivideremo la notizia con il pubblico».

Il 19 aprile il sito web Insider ha citato fonti del settore per riferire che Getir ha raccolto 300 milioni di dollari dal fondo statale di Abu Dhabi Mubadala in un accordo che avrebbe quasi dimezzato la valutazione della società.

Nel marzo dello scorso anno, Getir ha chiuso un round di finanziamento di 768 milioni di dollari guidato da Mubadala, che ha valutato la società circa 12 miliardi di dollari, riporta BneIntelliNews.

Il 19 aprile Pymnts ha riferito che Getir potrebbe unirsi al servizio alimentare ultrarapido che sta subendo il colpo delle sfide economiche che affliggono il settore del commercio rapido.

Getir è diventata il secondo unicorno tecnologico della Turchia (una startup privata che raggiunge una valutazione di oltre 1 miliardo di dollari) quando nel marzo 2021 ha raccolto 300 milioni di dollari in un nuovo round di finanziamento che ha aggiornato la sua valutazione a 2,6 miliardi di dollari.

Da allora il mercato globale delle consegne ultraveloci di generi alimentari, con aziende che basano i servizi su app mobili, è rimasto ferocemente competitivo, con gli analisti che prevedono un continuo consolidamento del mercato a fronte di una serie di nuovi ingressi.

Lo scorso dicembre, Getir ha annunciato l’acquisizione della società tedesca Gorillas. Getir non ha rivelato i dettagli finanziari dell’operazione, ma Serkan Borancili, fondatore di Getir, ha condiviso su Twitter un link a un articolo del Financial Times, secondo cui l’azienda di Istanbul avrebbe acquisito Gorillas per 1,2 miliardi di dollari, sebbene Gorillas fosse valutata 3 miliardi di dollari nel settembre 2021. Il gruppo combinato sarebbe stato valutato 10 miliardi di dollari, con Gorillas che avrebbe rappresentato il 12% del totale.

Nel novembre 2021, Getir ha dichiarato che avrebbe acquisito la rivale britannica Weezy.

Dal 2021, Getir è stata lanciata in paesi come Regno Unito, Paesi Bassi, Francia, Germania, Portogallo, Spagna, Italia e Stati Uniti.

Nel maggio 2022, una fonte ha dichiarato a Reuters che Getir era pronta a tagliare il 14% del personale a livello globale a causa dell’aumento dell’inflazione e dei costi.

Nel gennaio dello scorso anno, la città di Amsterdam ha vietato a Getir e a Gorillas e Flink di aprire altri piccoli centri di distribuzione, noti come “dark store”, nelle aree residenziali e nei centri commerciali vicini per un anno, citando i problemi causati dal rumore e dal traffico di motorini associati agli edifici, nonché le obiezioni alle finestre scure dei negozi.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/