TURCHIA. Fuori dalla lista grigia FATF e inflazione sotto controllo

77
Screenshot

Il 27 giugno il comitato di politica monetaria, Cpm, della banca centrale turca ha mantenuto il tasso di riferimento invariato al 50%, in linea con le aspettative del mercato e il 28 giugno la Financial Action Task Force (FATF) ha rimosso la Turchia dalla sua lista grigia. “La disinflazione sarà stabilita nelle 2H24 mentre la banca centrale continuerà ad attuare politiche macroprudenziali e strumenti di sterilizzazione”, ha ribadito l’Cpm.

Il prossimo incontro del Cpm turco è previsto per il 23 luglio. A questo punto i decisori dei tassi sembrano destinati a restare con il benchmark del 50%, riporta BneIntelliNews.

Nel giugno 2023, in seguito alla nomina post-elettorale del nuovo team economico turco guidato dal ministro delle finanze ed ex banchiere di Wall Street Mehmet Simsek, il regime di Erdogan ha invertito la rotta sulla politica monetaria e ha avviato un processo di inasprimento che è ancora in corso.

Il tasso ufficiale è stato aumentato al 50% entro marzo di quest’anno dall’8,5% di giugno dello scorso anno. Il 3 giugno, l’Istituto turco di statistica, Tuik – Turkstat ha dichiarato che l’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo, Cpi, della Turchia si è attestata ufficialmente al 75,45% anno su anno a maggio rispetto al 69,8% a/a di aprile e al 38% a/a di giugno 2023.

Al 75,45%, la serie di inflazione di Tuik ha raggiunto il suo picco. Nei prossimi mesi tornerà rapidamente al 40% grazie all’effetto base. Spingere la cifra principale al di sotto del 40% forse si rivelerebbe un’impresa eccessiva per il “famigerato” istituto di statistica del paese.

Il 9 maggio, nel suo ultimo rapporto trimestrale sull’inflazione, la banca centrale ha aumentato il suo “target” ufficiale di inflazione per la fine del 2024 al 38% dal 36% indicato nel rapporto di febbraio.

Il limite superiore dell’intervallo di previsione per la fine del 2024 è stato spinto al 42%. La banca centrale prevede inoltre che l’inflazione media mensile ufficiale scenderà all’1,5% nel 4Q23.

L’8 agosto, la banca centrale pubblicherà il prossimo rapporto sull’inflazione e le previsioni aggiornate.

Sui mercati globali, allo stato attuale delle cose non si segnalano turbolenze degne di nota. I Cds della Turchia sono scesi sotto il livello di 300, mentre il rendimento degli eurobond a 10 anni del governo turco è sceso sotto il livello dell’8%.

Da marzo l’amministrazione Erdogan applica la sua politica di tasso lineare dollaro- lira. Questa volta ha tracciato una linea attorno al livello 32. Nelle ultime settimane, gli afflussi di portafoglio sono rallentati e l’accumulo di riserve è diventato negativo. Grazie ai forti afflussi di maggio, la posizione valutaria netta della banca centrale è al momento positiva.

Maddalena Ingrao 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/