TURCHIA. Erdogan spera nel rimbalzo dell’economia per risollevare la lira

116

Le richieste di Erdogan per i tagli dei tassi non sono state soddisfatte, anche se la banca centrale turca si attiene al riferimento del 19%

Le precedenti richieste del presidente turco Recep Tayyip Erdogan di tagli dei tassi entro agosto sono rimaste inascoltate, con la banca centrale del paese che il 14 luglio ha annunciato di mantenere il suo tasso di riferimento al 19% a causa dei rischi nelle prospettive dell’inflazione.

Stando a BneIntellinews, a meno che Erdogan non faccia un altro intervento shock negli affari monetari del suo paese, nella sua ricerca di denaro più economico per alimentare la crescita (ha licenziato tre governatori della banca centrale in tre anni) sembra che la fine di quest’anno sia il momento in cui i politici potrebbero iniziare un ciclo di allentamento. Ma ci sono segni che in Turchia ci si sta preparando a segnalare un rapido rimbalzo dell’economia dalle profondità del periodo di crisi del coronavirus, il che potrebbe spiegare perché il «desiderio di Erdogan per i tagli dei tassi si è raffreddato recentemente».

Nello spiegare perché stava mantenendo il tasso chiave, il comitato politico della banca centrale ha detto: «La possibile volatilità dell’inflazione durante l’estate a causa della riapertura e gli alti livelli di aspettative di inflazione continuano a rappresentare dei rischi per il comportamento dei prezzi e le prospettive di inflazione».

L’inflazione ufficiale è stata più forte del previsto a giugno, arrivando al 17,5%, tetto massimo in due anni. I recenti aumenti dell’energia nazionale indicano che il livello è probabilmente in rotta per salire vicino al 19% a luglio e rimanere elevato nei mesi successivi. Questo potrebbe rappresentare un problema per il governatore della banca centrale Sahap Kavcioglu, che ha mantenuto il tasso d’interesse principale al 19% nei quattro incontri politici che hanno avuto luogo da quando è stato nominato a marzo, dopo il licenziamento del suo predecessore considerato più un falco. Kavcioglu ha precedentemente suggerito che i tassi di interesse saranno mantenuti al di sopra dell’inflazione. I mercati potrebbero presto premere duramente per un aumento dei tassi, piuttosto che il taglio desiderato dall’amministrazione Erdogan.

Un sondaggio Reuters ha mostrato che gli analisti si aspettavano che i tagli dei tassi iniziassero nel quarto trimestre, quando l’aumento dei prezzi dovrebbe diminuire un po’. Ma le stime sulla dimensione dei tagli si sono ristrette negli ultimi mesi, dato che le pressioni sui prezzi sono rimaste.

«Ci aspettiamo ancora il primo taglio di 50 punti a ottobre, ma la forza nell’attività economica e nelle pressioni sui prezzi potrebbe potenzialmente portare a un ciclo di allentamento più tardivo e più lento», ha detto JP Morgan in una nota dedicata alla Turchia.

La debole lira turca, in calo del 14% quest’anno dopo aver toccato un minimo storico di 8,80 per un dollaro all’inizio di giugno, spinge verso l’alto l’inflazione attraverso le pesanti importazioni della Turchia, mentre un blocco del coronavirus riaperto negli ultimi due mesi ha ripristinato la domanda.

SI prevede che la crescita subirà una grave flessione nel 2022 quando «l’esperimento di politica monetaria non convenzionale della Turchia verrà fuori del tutto».

Sul mercato azionario, i titoli turchi hanno registrato un guadagno dell’1% sui rapporti che il governo Erdogan ha ampliato le norme per le società di gestione patrimoniale, consentendo una maggiore flessibilità nei trasferimenti di debito.

Lucia Giannini