TURCHIA. Erdogan si prolunga i poteri: rinnovato lo stato di emergenza nato nel 2016

87

Il parlamento turco ha approvato un disegno di legge omnibus che include articoli per estendere lo stato di emergenza.

Stando a quanto riporta BneIntellinews, di conseguenza, il periodo massimo di una detenzione senza arresto rimarrà a 12 giorni, sono previsti quattro giorni iniziali, con la possibilità di due estensioni, almeno fino al 31 luglio 2022.

Il presidente Recep Tayyip Erdogan manterrà, nel frattempo, il potere di licenziare, licenziare o degradare i funzionari pubblici almeno fino a quella data. Inoltre, Erdogan sarà in grado per almeno altri tre anni di espropriare le aziende attraverso la nomina del Fondo di assicurazione dei depositi di risparmio come fiduciario; questa facoltà ha come scadenza il 31 luglio 2024.

Lo stato di emergenza in Turchia è iniziato il 20 luglio 2016, quattro giorni dopo che l’amministrazione Erdogan era sopravvissuta a un tentativo di colpo di stato. Secondo la legge, il regime di emergenza poteva essere introdotto solo per un massimo di tre mesi. Tuttavia, è stato successivamente esteso per ben sette volte, il che significa che lo stato di emergenza è durato fino alla mezzanotte del 18 luglio 2018.

Il 25 luglio 2018, il parlamento ha approvato una legge sulla sicurezza per sostituire lo stato di emergenza per un periodo di due anni. Adesso è quella legge che viene estesa e aggiornata.

L’ultima estensione dello “stato di emergenza non dichiarato” aprirà la strada allo svolgimento di elezioni parlamentari e presidenziali forse sotto poteri di emergenza de facto. Con o senza la legislazione sullo stato di emergenza, è discutibile, tuttavia, se, quando e come si terranno le prossime elezioni in Turchia. Erdogan ha recentemente parlato di non consegnare il paese a persone senza un piano responsabile per il futuro.

«L’estensione di questi poteri di emergenza renderebbe effettivamente permanente lo stato di emergenza… Questo è un colpo allo stato di diritto che in Turchia è stato effettivamente intrappolato in un limbo negli ultimi cinque anni (…) Non c’è assolutamente alcuna giustificazione legittima per continuare lo stato di emergenza oggi, così come non c’era nel 2018 quando questi poteri sono stati rinnovati inutilmente. Il rinnovo di questi poteri molto tempo dopo l’emergenza del 2016, senza una buona ragione, è inutile e sproporzionato, e va contro gli obblighi della Turchia secondo il diritto internazionale dei diritti umani… Lo stato di diritto è stato sospeso in Turchia negli ultimi cinque anni, e ogni giorno senza, è un giorno di troppo», aveva detto la Commissione Internazionale dei Giuristi il 14 luglio in un comunicato.

Tommaso Dal Passo