TURCHIA. Erdogan rivuole i soldi degli F 35

123

Il presidente Tayyip Erdogan ha detto di credere che la Turchia e gli Stati Uniti faranno progressi nei colloqui per la vendita di jet da combattimento F-16 e che Ankara recupererà 1,4 miliardi di dollari che ha già pagato per gli F-35.

Stando ad Anadolu, Erdogan ha detto che gli Stati Uniti si erano offerti di vendere alla Turchia gli F-16 in cambio dell’acconto versato da Ankara per gli F-35, che Washington ha bloccato dopo che la Turchia ha acquistato le difese missilistiche russe. Washington, che ha anche imposto sanzioni a dicembre all’industria della difesa della Turchia, ha detto di non aver fatto alcuna offerta di finanziamento al suo alleato NATO.

«Otterremo questi nostri 1,4 miliardi di dollari in un modo o nell’altro», ha detto Erdogan di ritorno dalla Nigeria, aggiungendo che i ministri della Difesa turchi e statunitensi avrebbero discusso la questione. «Credo che faremo progressi. Naturalmente ne parleremo con il presidente degli Stati Uniti Biden alla riunione del G20 a Roma», ha detto il presidente turco.

Reuters riportava all’inizio di ottobre che la Turchia aveva chiesto di acquistare 40 jet da combattimento F-16 della Lockheed Martin e quasi 80 kit di modernizzazione per i suoi aerei da guerra. Il ministero degli Esteri turco ha detto che la Turchia e gli Stati Uniti stavano discutendo la possibilità di utilizzare il pagamento degli F-35 per finanziare l’acquisto degli F-16 di Ankara: «Le opzioni per noi sono semplici: o torniamo al programma F-35, otteniamo gli aerei, o ci rimborsano i nostri soldi. In questo quadro, usare i soldi che abbiamo pagato per gli F-35 per la modernizzazione degli F-16 è all’ordine del giorno».

L’alleanza tra Ankara e Washington è stata seriamente tesa negli ultimi cinque anni a causa delle differenze politiche sulla Siria, l’acquisto da parte della Turchia della difesa missilistica russa S-400, le tensioni nel Mediterraneo orientale e i diritti umani.

Ankara ha detto che spera in un miglioramento dei legami sotto la nuova amministrazione statunitense, ma i colloqui tra Erdogan e Biden hanno finora prodotto pochi progressi.

Lucia Giannini