TURCHIA. Erdogan presenta il suo manifesto elettorale

161

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato martedì il manifesto elettorale del Partito Giustizia e Sviluppo in vista delle elezioni presidenziali e parlamentari del 14 maggio.

Parlando ad Ankara, Erdogan, che è anche presidente del partito, ha presentato un manifesto elettorale in 23 punti, che si concentra in primo luogo sui passi per curare le ferite delle vittime del terremoto del 6 febbraio nel sud della Turchia. «Ogni attacco, ogni disastro, ogni dolore che viviamo, specialmente il terremoto del 6 febbraio, dimostra che dobbiamo rafforzare la nostra unità, proteggere maggiormente la nostra unità e rafforzare ancora di più la nostra fratellanza», ha detto Erdogan, ripreso da Anadolu.

Promettendo di cancellare presto le tracce dei terremoti, che hanno causato più di 50.000 vittime, Erdogan ha detto che la Turchia ricostruirà le città in 11 province: «Guariremo completamente le ferite causate dal disastro in 11 province e nelle loro città vicine costruendo un totale di 650.000 nuove case, 319.000 delle quali saranno consegnate in un anno», ha aggiunto.

Impegnandosi a risollevare la Turchia nel prossimo periodo, Erdogan ha affermato che: “La Turchia non ha altra scelta che essere forte, rimanere forte e aumentare il suo potere per non ricadere nella fossa della schiavitù politica ed economica”.

Con un “modello di scudo nazionale contro i rischi”, ha aggiunto che 81 province saranno trasformate in città resistenti ai disastri.

Il manifesto comprende anche i settori dell’economia, dell’ambiente, della famiglia, della giustizia e delle libertà. Per quanto riguarda l’economia, Erdogan ha dichiarato che la Turchia mira a ridurre l’inflazione a una sola cifra, aggiungendo: «Aumenteremo il livello di benessere dei nostri dipendenti, dai funzionari pubblici ai pensionati e ai lavoratori, aumentando sempre i loro salari al di sopra dell’inflazione».

La Turchia continuerà a investire, produrre ed esportare fino a raggiungere l’obiettivo di portare il volume del suo commercio estero a 1.000 miliardi di dollari.

«Nel prossimo periodo, con un tasso di crescita annuo del 5,5%, aumenteremo il nostro reddito nazionale fino a 1.500 miliardi di dollari e poi al nostro obiettivo principale di 2.000 miliardi di dollari», ha detto il presidente.

Creando 6 milioni di nuovi posti di lavoro in cinque anni, Erdogan ha promesso di ridurre il tasso di disoccupazione al 7%: «Continueremo ad attribuire particolare importanza all’occupazione delle donne e dei giovani».

Ha inoltre dichiarato che la Turchia accelererà gli investimenti e la promozione del turismo con l’obiettivo di raggiungere 90 milioni di turisti e 100 miliardi di dollari di entrate turistiche.

La Turchia continuerà il suo percorso di stabilità come “isola di pace e sicurezza” in un momento in cui il mondo e la regione stanno vivendo sfide sempre più difficili, ha dichiarato Erdogan: «Costruiremo l’asse della Turchia con una politica estera in cui il nostro Paese, la nostra regione e l’umanità troveranno pace e stabilità, multilateralismo, maggiore cooperazione, pace, stabilità e diplomazia umanitaria», ha sottolineato.

Ha ricordato ai partecipanti che la Turchia può negoziare con entrambe le parti nella guerra Russia-Ucraina, fare progressi concreti come il corridoio del grano e lo scambio di prigionieri, e mantenere la possibilità di pace sul tavolo.

Ankara rafforza anche la cooperazione con il mondo islamico senza chiedere il permesso a nessuno, ha aggiunto.

Il presidente ha anche detto che il potere della Turchia sarà aumentato nei settori dell’energia, dell’agricoltura, dell’istruzione e dei trasporti: «Se tutto va bene, il 14 maggio inizieremo insieme l’alba del secolo della Turchia. Costruiremo insieme pace, fratellanza, fiducia, città, vita e felicità», ha aggiunto Erdogan.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/