TURCHIA. Erdogan parla: tonfo della lira

130

La lira turca è scesa del 15% il 23 novembre dopo che il presidente Tayyip Erdogan ha difeso i recenti tagli dei tassi e ha giurato di vincere la sua “guerra economica di indipendenza” nonostante le critiche diffuse e gli appelli a invertire la rotta. La lira è crollata fino a 13,45 per il dollaro, toccando i minimi storici per l’undicesima sessione consecutiva. Ha perso il 45% del suo valore quest’anno, compreso un calo del 26% dall’inizio della scorsa settimana.

Erdogan ha fatto pressioni sulla banca centrale affinché si orienti verso un ciclo aggressivo di alleggerimento che mira, dice Erdogan, a stimolare le esportazioni, gli investimenti e i posti di lavoro, anche se l’inflazione sale a quasi il 20% e il deprezzamento della valuta accelera, erodendo i guadagni dei turchi, riporta Reuters.

Molti economisti hanno definito i tagli dei tassi misure sconsiderate e hanno sollecitato un’inversione, mentre i politici dell’opposizione hanno fatto appello alle elezioni anticipate. L’ex vice governatore della banca centrale Semih Tumen, licenziato il mese scorso nell’ultima delle rapide revisioni della leadership di Erdogan, ha chiesto un ritorno immediato alle politiche che proteggono il valore della lira. «Questo esperimento irrazionale che non ha alcuna possibilità di successo deve essere abbandonato immediatamente e dobbiamo tornare a politiche di qualità che proteggano il valore della lira turca e la prosperità del popolo turco», ha detto Tumen su Twitter.

Lo scivolamento del 23 novembre è stato il peggiore della lira dall’apice della crisi monetaria del 2018, che ha portato a una forte recessione, dopo anni di crescita economica sotto la media e inflazione a due cifre. Anche se la lira ha ridotto alcune perdite, gli ultimi 11 giorni di perdite sono stati i peggiori dal 1999. La banca centrale ha ridotto i tassi di un totale di 400 punti da settembre, lasciando i rendimenti reali profondamente negativi, mentre praticamente tutte le altre banche centrali hanno iniziato a stringere, o si stanno preparando a farlo.

La lira ha avuto la peggiore performance globale di quest’anno, soprattutto a causa di quello che viene definito un “esperimento” economico prematuro. L’Akp di Erdogan sta scivolando nei sondaggi d’opinione in vista delle elezioni previste non oltre la metà del 2023, visto il costo della vita nettamente più alto.

Gli investitori stanno fuggendo dalla Turchia mentre gli indicatori di volatilità hanno raggiunto i livelli più alti da marzo, quando Erdogan ha bruscamente licenziato l’ex capo della banca centrale e ha installato un nuovo governatore, anche lui un critico dei tassi elevati.

Contro l’euro, la valuta si è indebolita a un nuovo minimo storico di 14,6442 il 23 novembre. Il rendimento delle obbligazioni di riferimento a 10 anni è salito sopra il 21% per la prima volta dall’inizio del 2019. Le obbligazioni sovrane in dollari hanno subito forti cali con molte emissioni a più lunga scadenza in calo di 2 centesimi.

L’indice azionario principale è sì salito di oltre l’1% a causa delle valutazioni improvvisamente a buon mercato, ma i titoli bancari sono scesi, con l’indice bancario in calo del 2,5%. La banca centrale ha tagliato il suo tasso la scorsa settimana di 100 punti base al 15%, ben al di sotto dell’inflazione di quasi il 20%, e ha segnalato un ulteriore allentamento.

Erdogan ha ricevuto il sostegno dal suo alleato parlamentare, il leader dell’Mhp, Devlet Bahceli, secondo cui gli alti tassi di interesse limitano la produzione e che non c’è alternativa a una politica che si concentra sugli investimenti.

Gli analisti hanno detto che presto saranno necessari aumenti di emergenza dei tassi, mentre hanno pesato anche le speculazioni su una revisione del gabinetto che coinvolge il ministro delle finanze più ortodosso, Lutfi Elvan.

Erdogan ha difeso la politica e ha detto che una politica monetaria più rigida non abbasserà l’inflazione: «Rifiuto le politiche che contrarranno il nostro paese, lo indeboliranno, condannando il nostro popolo alla disoccupazione, alla fame e alla povertà», e ha provocato un calo della lira a fine giornata.

Antonio Albanese