TURCHIA. Economia e Burocrazia nel mirino dell’Opposizione a Erdogan

177

Rilanciare l’economia in difficoltà della Turchia è in cima all’agenda dei candidati dell’opposizione che vuole spodestare l’uscente Recep Tayyip Erdogan nelle elezioni di maggio.

Dirigenti economici dei sei partiti che hanno formato l’alleanza di opposizione hanno dichiarato, riporta Nikkei, che se vinceranno le elezioni per la presidenza e il parlamento il 14 maggio, effettueranno una massiccia revisione della burocrazia, nonché cambiamenti legali e normativi, per annullare l’eredità di Erdogan, vista come dannosa.

Erdogan ha governato per più di due decenni e il paese sta ora affrontando la più profonda crisi del costo della vita sotto la sua guida. Le sfide economiche sono state aggravate dal terremoto che ha ucciso più di 50.000 persone in Turchia a febbraio, con il governo che ora deve affrontare costi di ricostruzione stimati a 100 miliardi di dollari.

Chiunque vinca le elezioni di maggio dovrà affrontare l’arduo compito di ricostruire il paese in mezzo a un’inflazione alle stelle, che si è attestata al 55% a febbraio dopo aver raggiunto il picco dell’85% lo scorso ottobre. Giovedì scorso, la banca centrale turca ha mantenuto il tasso ufficiale all’8,5%.

Secondo Ozer Sencar, capo della società di sondaggi Metropoll, Kemal Kilicdaroglu, il candidato congiunto della Nation Alliance, era di 2,6 punti percentuali davanti a Erdogan in un sondaggio condotto a marzo. Sencar ha detto che si aspetta una corsa serrata tra i candidati. Se nessun candidato ottiene la maggioranza, il ballottaggio si svolgerà il 28 maggio.

Secondo l’economista Ugur Gurses, il vincitore si farà carico del crescente debito fiscale causato da politiche sbagliate, come l’aumento dei prestiti denominati in valuta estera negli ultimi anni, aggravato dal rapido deprezzamento della lira.

«Erediteremo il naufragio del secolo», ha detto Bilge Yilmaz, 55 anni, capo della politica economica del partito Iyi, che è il secondo membro più numeroso del principale blocco di opposizione.

Yilmaz ha conseguito un dottorato in economia presso la Princeton University ed è professore presso la Wharton School dell’Università della Pennsylvania. Gli analisti lo considerano un forte contendente per diventare il prossimo ministro dell’economia della Turchia, se il partito si comportasse bene alle elezioni parlamentari. «Ci impegniamo a tornare a una politica monetaria ragionevole e scientifica, assicurando la disciplina di bilancio. Dobbiamo elaborare nuovamente una politica economica basata sui dati», ha affermato Yilmaz.

Yilmaz ha affermato che la prossima amministrazione garantirà l’indipendenza della banca centrale con modifiche legali. Ciò, combinato con una sana politica fiscale, può far scendere l’inflazione a una cifra entro due anni: «Effettueremo una vera e propria politica di targeting dell’inflazione», ha detto Yilmaz, suggerendo che istituirà una banca centrale indipendente per fissare obiettivi di inflazione a tre mesi e determinare tassi di interesse appropriati per guidare l’economia verso tali obiettivi, piuttosto che dare solo obiettivi di fine anno.

Yilmaz ha sostenuto che una vittoria di Erdogan e la continuazione delle sue politiche porterebbero la Turchia a una crisi della bilancia dei pagamenti.

Erdogan ipotizza una teoria economica non ortodossa secondo cui alti tassi di interesse causano un’inflazione elevata e ha fatto pressioni sulla banca centrale affinché tagliasse i tassi ufficiali. La sua posizione non è condivisa dagli economisti tradizionali e aveva licenziato uno dopo l’altro i governatori delle banche centrali e i membri del comitato di politica monetaria per portare avanti la sua agenda. Sostiene che i bassi tassi di interesse aumenteranno l’indebitamento delle imprese per finanziare l’aumento della produzione e delle esportazioni, contribuendo a raggiungere un surplus delle partite correnti che stabilizzerà la lira.

Riconosce le difficoltà causate dall’elevata inflazione, ma incolpa l’aumento dei prezzi per l’aumento dei costi energetici dovuto alla guerra in Ucraina e ha accusato gli imprenditori del paese di aumentare i prezzi per trarre vantaggio dalla crisi.

Le elezioni di maggio potrebbero preannunciare cambiamenti ai vertici della burocrazia se Erdogan dovesse perdere. Con il sistema presidenziale introdotto da Erdogan nel 2018, centinaia di posti burocratici di alto livello, dal governatore della banca centrale al capo dell’istituto di statistica, diventeranno vacanti in quello scenario.

L’opposizione ha denunciato questo sistema di concentrazione di potere eccessivo nella presidenza. Yilmaz promette che, se vittoriosa, la sua alleanza istituirà cambiamenti radicali nella banca centrale, nella tesoreria, nel consiglio dei mercati dei capitali e nell’agenzia di regolamentazione e vigilanza bancaria.

Tuttavia, Yilmaz teme che il prossimo governo possa affrontare un inizio irregolare. Secondo lui, c’è «un’incredibile domanda repressa di dollari» e «i burocrati non saranno più disposti a eseguire le direttive del governo. Improvvisamente questo regime di pressione scomparirà», ha detto, riferendosi alle vendite di valuta estera back-door di riserve della banca centrale per acquistare la lira tramite le banche statali per stabilizzare il valore della valuta locale, nonché altri interventi verbali e normativi da parte dello stato nei mercati dei cambi.

Yilmaz ha affermato che l’obiettivo dei futuri funzionari dell’economia sarà limitare le fluttuazioni valutarie, ma ha aggiunto: «La vera sfida sarà combattere due decenni di corruzione, riformare l’istruzione e garantire nuovamente la supremazia dello stato di diritto».

Ibrahim Canakci, capo dell’economia e delle politiche finanziarie del Deva Party, fondato dall’ex zar dell’economia di Erdogan, Ali Babacan, ha detto che se il suo partito andasse al potere, sarebbe stato istituito un comitato per valutare la difficile situazione dell’economia.

«Troveremo debiti nascosti sotto il tappeto, vedremo anche il quadro reale delle passività potenziali derivanti da progetti di partenariato pubblico-privato. I terremoti hanno ulteriormente aumentato questo onere (…) Ma stiamo preparando misure concrete per tutti gli scenari», ha affermato Canakci.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/