TURCHIA. Ecco i conti dell’intelligence di Erdogan

142

L’Organizzazione Nazionale di Intelligence della Turchia, Milli İstihbarat Teşkilatı – Mit, ha speso quasi mezzo miliardo di lire turche in operazioni segrete nel 2020, registrando un’enorme impennata dei beni che possiede, valutati in più di 32 miliardi di lire.

Secondo il rapporto di audit dell’agosto 2021 della Corte dei Conti, riporta Nordic Monitor, il Mit ha speso 495,4 milioni di lire turche in quelle che sono state descritte come “spese per servizi segreti”. Per di più, il patrimonio che detiene è arrivato a 32,7 miliardi di lire, un aumento del 92% rispetto all’anno precedente.

Nel 2018 il Mit aveva solo 3,8 miliardi di lire di patrimonio, ma l’agenzia è diventata un’istituzione ricca nel corso di due anni, facendo crescere il suo patrimonio a 32,7 miliardi di lire, un aumento del 761 per cento in un così breve periodo di tempo.

Il denaro versato nell’agenzia è un altro indicatore di come il governo del presidente Recep Tayyip Erdoğan abbia fatto sempre più affidamento sui servizi segreti per intimidire i suoi oppositori e condurre operazioni clandestine all’estero.

Il rapporto mostra che l’agenzia ha speso 1,3 miliardi di lire per gli operatori nel 2020 e ha impiegato 756,1 milioni di lire di una voce di bilancio che è stata descritta come “non identificata”. La stessa cifra è stata attribuita all’ammortamento delle proprietà dell’agenzia in un’altra sezione del rapporto. L’agenzia ha anche speso molto di più del suo budget di 2,2 miliardi di lire assegnato dal parlamento per l’anno 2020, superando il suo tetto di spesa di 274 milioni, che è stato poi fornito all’agenzia dal bilancio supplementare.

L’agenzia è riuscita ad attingere alle casse del Fondo di sostegno all’industria della difesa, Ssdf, una risorsa extra-bilancio per la difesa gestita dalla presidenza dell’Industria della Difesa, precedentemente nota come Sottosegretariato per l’Industria della Difesa, Ssm.

Con una norma del 2014, Erdoğan ha permesso al Mit di attingere alla Ssdf per le sue spese, eliminando l’obbligo delle gare di appalto. Di conseguenza, l’agenzia non è tenuta a rivelare alcuna informazione su ciò per cui aveva bisogno del denaro e poteva indire gare d’appalto per l’acquisto di armi in linea con i propri regolamenti, e la Ssdf si sarebbe limitata a fornire i fondi, non importa quanto.

Secondo il rapporto, il Mit ha usato 76,3 milioni di lire da questo fondo, che è stato originariamente istituito nel 1985 per procurare armi e articoli correlati per l’esercito. L’esercito turco non era favorevole, ma le critiche sono state messe a tacere dopo il fallito golpe del 15 luglio 2016, e le purghe successive.

Il Mit gode anche di una quota considerevole del fondo discrezionale dato al presidente per spendere per tutto ciò che vuole senza dover rivelare alcun dettaglio. Il bollettino mensile della Direzione generale dell’amministrazione finanziaria pubblica e della trasformazione mostra che il denaro speso dal fondo discrezionale per i primi 10 mesi di quest’anno è stato di 2,2 miliardi, mentre questa cifra per l’intero anno nel 2020 è stata di 2 miliardi.

Erdoğan ha voluto aumentare la prominenza dell’organo di intelligence rendendolo più ricco, più forte e meno responsabile nel corso degli anni. Gli stanziamenti del bilancio principale hanno visto un aumento parallelo: negli ultimi anni, soprattutto dopo gli scandali di corruzione che hanno visto uscire il nome del presidente nel 2013, la quantità di denaro ricevuta dall’agenzia ha visto un forte aumento.

Il MIT ha sempre goduto di una certa immunità dal controllo statale a causa della natura sensibile delle sue operazioni, ma è diventato praticamente intoccabile, soprattutto da quando Erdoğan ha vinto la riforma costituzionale diventando intoccabile. Il leader turco ha volutamente indebolito la già debole supervisione condotta dal parlamento, ha ostacolato l’autorità di controllo della magistratura e ha imbavagliato la stampa; in questo quadro il rapporto della Corte dei Conti è assai prezioso per vedere le operazioni del Mit.

Graziella Giangiulio