Ankara riforma la detenzione

41

TURCHIA – Ankara. 13/06/15. La Turchia e l’Unione europea hanno dato vita a un programma di armonizzazione sulle norme carcerarie. Le guardie carcerarie turche hanno seguito un corso di 1.000 giornate di formazione. Fonte hurriyetdailynews.

La formazione, che è stata erogata alle guardie delle carceri tucrche, aveva il seguente motto: «Il cambiamento inizia dentro» è costata € 1.900.000 (2,1 milioni dollari) ed è stato fornita grazie a un accordo di gemellaggio con il Regno Unito e Portogallo. L’Incaricato d’Affari della delegazione UE in Turchia, Bela Szombati ha detto che il progetto è stato un «buon esempio di relazioni di lunga data tra la Turchia e l’Unione europea». E poi ha proseguito affermando: «Il Sistema penale di un paese la dice lunga sul suo rispetto dei diritti umani. L’UE presta particolare attenzione a questo», ha detto Szombati. Il sistema è stato progettato per «sviluppare un servizio di applicazione standardizzato, strutturato e ben definito, tra cui un sistema completamente funzionale per assicurare le cure di riabilitazione e di successo per la reintegrazione dei detenuti provenienti da diversi background criminologici, da non trascurare la formazione del personale penitenziario che svolge in linea con gli standard dell’UE». Hanno riferito i responsabili del progetto. La Riforma della prigione e l’armonizzazione è stata una caratteristica di passi della Turchia verso l’adesione all’UE. La relazione UE 2013 ha rivelato «La Turchia sta portando avanti un ambizioso programma di riforma prigione per un certo numero di anni, che ha portato miglioramenti alle condizioni carcerarie e delle infrastrutture».