TURCHIA. Bayraktar promette che i TB2 abbatteranno i Geran 2 russi

0

Il produttore turco di droni da combattimento Baykar spera “presto” di essere in grado di contrastare i droni “kamikaze” in Ucraina poiché i droni clone iraniano-russi hanno minacciato le infrastrutture critiche ucraine.

Secondo Haluk Bayraktar, amministratore delegato dell’azienda, riporta Dpa: «Presto i nostri Bayraktar TB2 e Akıncı avranno missili aria-aria; non solo per attaccare i droni ma anche altri aerei nemici… stiamo facendo i nostri test».

L’esercito ucraino ha utilizzato con successo i droni TB2 di Baykar contro l’invasione russa da febbraio.

Tuttavia, la recente introduzione dei droni Shahed-136/Geran 2 da parte di Mosca ha complicato la situazione per Kiev. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha messo in guardia da un “disastro su larga scala” se l’ondata di attacchi suicidi alle strutture energetiche dovesse continuare anche durante l’inverno.

«In ogni caso, dovete essere pronti con le vostre contromisure… Noi sosteniamo pienamente l’Ucraina nel difendere la sua sovranità», ha detto Bayraktar.

I droni suicidi sono lenti, rumorosi e vengono impiegati a bassa quota, il che li rende “bersagli facili”, ha sostenuto Bayraktar.

Bayraktar, che ha ricevuto una medaglia di Stato ucraina, ha dichiarato che la sua azienda intende consolidare la cooperazione con Kiev, anche avviando un impianto di produzione in Ucraina entro un anno.

L’impianto produrrà anche il drone a reazione “Red Apple” di Baykar, che sarà presto lanciato, stando a Bayraktar.

Le critiche russe contro Baykar sono aumentate soprattutto dopo le notizie sul presunto ruolo di TB2 nell’aiutare l’Ucraina ad affondare l’incrociatore missilistico Moskva in aprile.

Lo stesso Bayraktar sarebbe stato preso di mira dall’intelligence russa, utilizzando la tecnologia deep fake.

«Purtroppo queste cose accadono… ma noi siamo una grande squadra, ci concentriamo sui nostri obiettivi, non su altri rumori (…) Sentiamo parlare del ruolo di TB2», ha detto Bayraktar a proposito dell’incidente di Moskva.

Ha riconosciuto che l’Ucraina è stata recentemente il primo Paese al mondo a impegnare il TB2 in una missione navale, ma non ha approfondito.

Il TB2 ha guadagnato fama mondiale ed è diventato un successo per le esportazioni di Baykar a partire dal 2018, a seguito di operazioni di successo nel nord della Siria, in Libia, nel Nagorno-Karabakh e ultimamente in Ucraina.

Secondo quanto riferito, il drone ha inizialmente utilizzato componenti prodotti negli Stati Uniti, in Canada e in Europa, compresa la Germania, spingendo alcuni legislatori degli alleati della NATO, Germania e Stati Uniti, a chiedere di limitare il trasferimento di tecnologia a Baykar.

Oggi, il 93% dei componenti del TB2 è di produzione locale, afferma l’azienda; il TB2 viene esportato in 24 Paesi, dall’Africa all’Asia centrale e all’Europa, con un surplus di 1 miliardo di dollari.

Bayraktar ha dichiarato di non essere d’accordo con le critiche secondo cui la “dronificazione” abbassa la soglia della guerra.

Ha affermato che la tecnologia dei droni aiuta piuttosto a “eliminare i danni collaterali” grazie alla precisione e alla sorveglianza avanzata.

I partner commerciali forti come la Turchia e la Germania dovrebbero quindi dissipare tali preoccupazioni e concentrarsi invece sulla cooperazione in materia di difesa, ha affermato Bayraktar.

La Germania ha capacità di difesa “limitate”, ma sarebbe vantaggioso per Berlino se si coordinasse meglio con le controparti turche, ha aggiunto.

Lucia Giannini