TURCHIA. Ankara pagherà in rubli il gas russo

127

Il mondo rischia di trovarsi in carenza di cibo nel 2023 se non si affronta subito il problema dei fertilizzanti, ha riferito il Segretario generale delle Nazioni Unite. Il problema è che con i costi alle stelle dell’elettricità, anche le aziende che producono fertilizzanti che si trovano fuori dai confini russi o ucraini al momento sono chiuse per impossibilità nel sostenere i costi. Vedi caso Slovenia e Italia.

Nel frattempo a supplire alla carenza di cibo in qualche modo arriveranno i cereali russi. A quanto si apprende durante gli accordi di Samarcanda tra Putin ed Erdogan, è stato raggiunto un accordo per cui gli operatori cerealicoli russi potranno esportare i loro prodotti attraverso la Turchia. In effetti, la Turchia sta diventando uno dei principali hub cerealicoli per l’approvvigionamento di grano russo all’estero. La Russia elude così alcune delle sanzioni occidentali e la Turchia riceverà un “pedaggio” come paese di transito.

E sempre in tema di accordi Turchia-Russia, mentre i media occidentali e turchi riferiscono che Erdogan voleva chiedere a Putin uno sconto del 25% sul gas per tentare di stabilizzare la situazione economica della Turchia prima delle prossime elezioni, si è arrivati ad altri accordi: è stato concordato un testo secondo cui il 25% di tutte le forniture di gas alla Turchia sarebbe stato pagato in rubli. Apparentemente, un’altra parte sarà pagata in lire: i turchi hanno chiesto il 25%. Il risultato principale è un ulteriore allontanamento dal dollaro e dall’euro negli accordi bilaterali.

Non solo, secondo gli addetti ai lavori del summit della Sco in Uzbekistan, ci sarebbero stati importanti colloqui dietro le quinte più, tra i servizi segreti di Turchia e Siria, in cui si è parlato di questioni di normalizzazione delle relazioni, tra i due Paesi a cui Turchia e Siria sono spinte da Russia e Iran. E ancora, al centro dei colloqui dietro le quinte anche la questione armena che vede l’Iran in prima fila contro la Turchia e con i russi che cercano di mediare tra le parti.

Lucia Giannini