TURCHIA. Ankara non ha un aereo antincendio, Erdogan ha 13 jet. L’Anatolia brucia

491

Il ministro dell’Agricoltura turco ha detto che il governo non ha aerei adeguati per combattere gli incendi che stanno devastando il paese da mercoledì scorso, alimentando una forte reazione popolare e dell’opposizione che ha confrontato la mancanza di aerei antincendio con la flotta di 13 aerei del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan.

Più di 70 incendi sono scoppiati questa settimana nelle province delle coste turche dell’Egeo e del Mediterraneo, riporta Turkish Minute, così come nelle aree interne, ha detto Erdoğan, aggiungendo che 14 stavano ancora bruciando. Il bilancio delle vittime è salito a quattro, con più di 180 feriti, mentre migliaia di vigili del fuoco hanno combattuto contro gli incendi che si sono diffusi nelle regioni turistiche del Mediterraneo.

Il ministro dell’Agricoltura Bekir Pakdemirli ha detto durante una visita alla regione colpita che la Turchia non ha un aereo antincendio a disposizione del Ministero. Aerei dalla Russia e dall’Ucraina hanno aiutato a combattere le fiamme, oltre a uno dall’Azerbaijan: «Da mezzogiorno, con l’arrivo degli aerei, stiamo andando in una direzione positiva», ha detto Erdoğan ai giornalisti dopo le preghiere del venerdì.

Tuttavia, l’ammissione che il paese non aveva aerei antincendio ha messo il governo di Erdoğan sotto immensa pressione: «Mentre la presidenza ha 13 aerei e il ministro dell’Agricoltura viaggia ovunque con il suo jet, il governo non può impiegare un aereo antincendio per spegnere questi incendi, dimostrando la terribile situazione in cui ci ha messo questa amministrazione. Un solo aereo di palazzo avrebbe potuto comprare decine di aerei antincendio», ha detto venerdì il portavoce pro-curdo del Partito Democratico dei Popoli, Hdp Ebru Günay.

Erdoğan, la sua famiglia e il governo sono spesso criticati per lo spreco di denaro dei contribuenti nel lusso e la cattiva gestione delle risorse della Turchia.

Anche i ministri turchi hanno scatenato polemiche con il loro uso dei jet, quando tre ministri hanno viaggiato verso il nord-est del paese, colpito dalle inondazioni, a bordo di tre aerei, attirandosi il contraccolpo dei critici che hanno accusato il governo di sperperare i fondi pubblici.

Gli abitanti della città costiera di Manavgat hanno fischiato il ministro degli Esteri Mevlüt Çavuşoğlu quando ha fatto una visita nella regione. La gente del posto ha protestato contro Çavuşoğlu dopo che ha detto che tre aerei antincendio sono stati coinvolti nello sforzo di estinguere gli incendi, rimproverando i funzionari del governo per la loro incompetenza nel combattere il disastro.

Çavuşoğlu ha detto che l’ufficio del governatore di Antalya avrebbe lanciato una campagna nazionale di donazioni per aiutare le persone nella provincia meridionale di Antalya, dove gli incendi in corso da mercoledì hanno causato la morte di tre persone e il ferimento di più di 100.

Graziella Giangiulio