TURCHIA. Ankara in Africa, il nuovo motore della geopolitica africana

200

Con il progredire delle attività turche in Africa, la rivalità tra la Turchia e l’intesa franco-emiratina-egiziana è destinata a consolidarsi come uno dei principali motori della geopolitica africana.

Nella prima metà del 2020, l’evidente intervento militare della Turchia a sostegno del Governo di Accordo Nazionale ha invertito il corso della guerra civile libica. Consentendo al governo di Tripoli di battere le forze di opposizione sostenute da Egitto, Emirati Arabi Uniti, Francia e Russia dalla Libia occidentale, la Turchia ha anche guadagnato un vantaggio strategico su Francia, Eau ed Egitto in una più ampia competizione per l’influenza in Africa.

Il 15 giugno 2020, i media turchi hanno reso noto che la Turchia aveva discusso con il Governo di Accordo Nazionale di stabilire una base navale turca a Misurata e una presenza aerea alla base aerea di al-Watiyah, a 27 km dal confine tunisino. La prospettiva di una presenza militare permanente della Turchia in Libia sta consolidando lo status della Turchia come una delle maggiori potenze del Nord Africa, oltre a rafforzare la portata diplomatica ed economica di Ankara in Africa a sud del Sahara, riporta The Turkey Analyst. Oltre a creare un controverso confine marittimo.

Il 13 agosto 2020, la Turchia e la Libia hanno firmato un accordo economico per risolvere le questioni in sospeso derivanti dai progetti di costruzione turchi avviati durante l’era di Gheddafi, stimati al 20 per cento dei progetti di investimento della Libia, che spianerà la strada a nuovi investimenti turchi e all’aumento degli scambi commerciali. Nel 2019, la Turchia è diventata il maggiore esportatore verso la Libia dopo la Cina, superando l’UE e guadagnando alla Turchia 1,53 miliardi di dollari di entrate.

Dal 2010 al 2016, Ankara ha aperto 26 ambasciate in Africa e la sua presenza in Libia funge ora da piattaforma da cui Ankara può promuovere il suo continuo sforzo per espandere l’impronta economica e politica della Turchia in tutta l’Africa. Dopo un mese di intervento in Libia, il 26 gennaio 2020 il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha visitato l’Algeria, nell’ambito di un viaggio in tre paesi in Africa, tra cui Senegal e Gambia, due delle “tigri economiche” africane, la prima delle quali ospita una delle quattro basi militari francesi in Africa.

Ad Algeri, Erdoğan ha annunciato l’obiettivo di portare il commercio bilaterale tra Turchia e Algeria a 5 miliardi di dollari e ha spinto per un accordo di libero scambio. Le esportazioni della Turchia verso l’Algeria nel 2019 hanno raggiunto i 5,1 milioni di dollari, collocando la Turchia al 76° posto tra i mercati d’importazione algerini. Al contrario, la Francia è il maggiore esportatore verso l’Algeria dopo la Cina: 3,8 miliardi di dollari di entrate nel 2019. Nonostante il basso livello di scambi commerciali, la Turchia ha già fatto notevoli progressi con 3,5 miliardi di dollari di investimenti in Algeria, classificando la Turchia tra i primi investitori stranieri del Paese. Ankara ha intrapreso anche uno sforzo parallelo in Tunisia, l’impegno della Turchia in Algeria, che confina con Mauritania, Mali e Niger, ha una maggiore importanza per la connettività della Turchia con il resto dell’Africa.

Non limitata all’Africa occidentale e centrale, l’impegno della Turchia in Africa comprende anche la grande regione dell’Africa orientale, che si estende lungo la costa del Mar Rosso e nel Corno d’Africa. Le capacità strategiche della Turchia nel Mar Rosso sono state notevolmente potenziate nel settembre 2017, quando Ankara ha aperto una struttura militare a Mogadiscio, in Somalia, la più grande struttura di addestramento al di fuori dell’Anatolia. La base di Mogadiscio fornisce ad Ankara una posizione ragionevolmente vicina al Golfo di Aden, l’ingresso strategico orientale nel Mar Rosso.

Nel 2018, la Turchia era pronta a raggiungere una svolta strategica nel Mar Rosso con l’accordo del Sudan di affittare il porto di Suakin alla Turchia per 99 anni. Lo sforzo della Turchia per rendere sicuro il porto sudanese di Suakin come struttura a doppio uso è stato infine bloccato nell’aprile 2019 dopo la cacciata del presidente sudanese Omar al-Bashir e la promessa collettiva di 3 miliardi di dollari al nuovo governo del Sudan da parte degli Emirati Arabi Uniti e dell’Arabia Saudita.

Antonio Albanese