TURCHIA. Ankara alleggerisce la lira. Le rifiutano anche i distributori automatici

198

La zecca di Stato della Turchia ha ridotto il peso della moneta da una lira turca a 6,6 grammi da 8,2 grammi.

Abdullah Yasir Sahin, direttore generale della zecca, ha annunciato la mossa il 15 aprile. La zecca ha anche giocato con la composizione dei metalli (rame, zinco e nichel) nelle monete per superare le perdite, ha aggiunto.

Secondo Sahin, nel 2022 la zecca ha prodotto 1,25 milioni di monete e ha subito una perdita di 600 milioni di lire turche sulla produzione.

L’agenzia di stampa Xinhua ha riferito che il costo di produzione della moneta da una lira era di oltre tre lire prima delle modifiche.

I turchi, nel frattempo, si lamentano del fatto che i distributori automatici non accettano le nuove monete, riporta BneIntelliNews.

Nel 2021, il valore nominale delle monete in lire turche è sceso al di sotto del loro valore di rottamazione.

Sahin ha negato che i commercianti di rottami stiano fondendo le monete, visti i costi di fusione in relazione allo scarto tra il valore nominale e quello di rottame delle monete.

Ultimamente il cambio digitale Dollaro / Lira Turca si è lanciato in un altro record. L’ultimo record, stabilito il 6 aprile, è di 19,45 lire. Dall’inizio di marzo, la coppia ha superato le barriere dei 18,80 che per un breve periodo si sono rivelate un ostacolo. Ora la coppia è scambiata principalmente tra i 19,30, con alcuni picchi.

A fine 2020, la coppia si attesta a 7,4.

Tra il boom dell’offerta di lira e i deflussi di valuta forte dovuti ai deficit commerciali record, i funzionari impediscono alla lira di precipitare in picchiata solo costringendo i banchieri a bloccare e a ingolfare la domanda interna di valuta estera. A sostegno ci sono anche afflussi non identificati e il sostegno di “Paesi amici”.

Un’altra calamità per la lira non sarebbe una sorpresa. Potrebbe accadere in qualsiasi momento.

L’atmosfera di assenza di turbolenze sui mercati globali, nel frattempo, rimane intatta. I credit default swap, Cds, a cinque anni della Turchia rimangono sotto il livello di 600, mentre il rendimento delle euro-obbligazioni decennali del governo turco rimane intorno al livello del 9%.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/