TURCHIA. Akar apre al dialogo sul Mediterraneo Orientale

51

Giovedì la Turchia ha invitato i Paesi vicini del Mediterraneo orientale e dell’Egeo a dialogare per risolvere le controversie. «Invitiamo i nostri vicini, le altre istituzioni e organizzazioni a dialogare. Incontriamoci, parliamo, discutiamo e risolviamo i problemi», ha detto il ministro della Difesa Hulusi Akar durante la visita alle esercitazioni militari di Free Fire-2020 ad Ankara.

Osservando che l’isola di 10 chilometri quadrati di Kastelorizo, o Meis che si trova a soli 2 km dalla costa turca e a 580 km dalla terraferma greca, non può avere un’area di giurisdizione marittima di 40.000 km quadrati, Akar ha detto che quando la Turchia si oppone, tutti la vedono come una “provocazione”.

Ha detto che anche se Ankara è a favore del dialogo e della soluzione politica, non lascerà che i suoi diritti siano annullati: «Questo dovrebbe essere compreso (…) Inoltre, è uno sforzo inutile per i terzi, che non rispettano la ragione, la logica e la legge, cercare di stabilire alcune regole superando i loro limiti, o aspettarsi che noi accettiamo queste regole», riporta Yeni Safak. Ha ribadito che la Turchia desidera la pace nella regione risolvendo i problemi attraverso il dialogo.

In agosto, la Turchia ha ripreso l’esplorazione energetica nel Mediterraneo orientale dopo che la Grecia e l’Egitto hanno firmato un accordo di delimitazione marittima. Dichiarando “nullo” l’accordo greco-egiziano, la Turchia ha autorizzato la nave Oruc Reis a continuare le sue attività in un’area all’interno della piattaforma continentale turca.

La Turchia si è sempre opposta agli sforzi della Grecia per dichiarare una zona economica esclusiva basata sulle piccole isole vicino alle coste turche, violando gli interessi della Turchia, Paese con la costa più lunga del Mediterraneo orientale.

Ankara ha anche detto che le risorse energetiche vicino all’isola di Cipro devono essere equamente condivise tra la Repubblica Turca di Cipro del Nord e l’amministrazione greco-cipriota di Cipro del Sud.

Lucia Giannini