Tunisia: paura per Jihadisti di ritorno della Siria

40

TUNISIA – Tunisi. 27/02/14. Secondo la testata Magharebia, i paesi del Maghreb cominciano a contare gli jihadisti e le persone di ritorno da viaggi in Siria.

«Non abbiamo dati esatti per coloro che sono tornati, ma si stima che sono circa 400», ha detto il ministro dell’Interno tunisino Lotfi Ben Jeddou il 24 febbraio. «Ma stiamo la vicenda molto da vicino. Abbiamo costruito un database. Essi hanno acquisito esperienza e formazione e devono essere monitorati», ha detto dopo l’incontro con i legislatori.
La dichiarazione di Ben Jeddou arriva sulla scia della fuga di un terrorista ricercato in Libia dopo che la guardia nazionale di unità per la lotta al terrorismo non sono riusciti a catturarlo, nonostante un accerchiamento a Ettawba moschea di Tunisi, nella zona Jebel Lahmer il mese scorso.
Il membro sfuggito apparterrebbe a Ansar al-Sharia, e più esattamente si tratterebbe del secondo in comando, Kamel Zarrouk arrivato in Siria per unirsi allo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL).
Zarrouk, ha 40 anni, ha fatto la sua prima apparizione come Khatib nel 2011. Ha iniziato a viaggiare e tenere conferenze, da Bizerte a Sousse a Zaghouan, tra cui uno in cui ha paragonato Osama Bin Laden al profeta.
«Prima che l’emiro si dedicò al salafismo anni fa, lavorava come guardia in un locale notturno a Tunisi», ha riferito alla testata Maghebia un suo vicino, agente di sicurezza. Zarrouk è conosciuto nel suo quartiere come qualcuno che ha incoraggiato i giovani ad andare a fare la jihad in Siria, che egli ritiene essere il trampolino di lancio per la creazione di uno stato islamico dal Golfo verso l’oceano. Ciò ha spinto alcuni genitori ad andare in tribunale per denunciarlo cercando di impedirgli di predicare idee estremiste ai loro figli, visto che nelle sue prediche glorifica un percorso di jihad e infine la morte in Siria.
Maha Abd Hamid, 48 anni, ha detto a Magharebia, il «Viaggio in Siria è diventato un incubo per me perché mio figlio diciannovenne è affascinato dai jihadisti e segue le notizie sui siti di social networking. Questo ci ha spinto a sorvegliarlo continuamente».
«Mio figlio prega nella moschea regolarmente, ma ho paura che alcuni elementi estremisti lo attraggono insieme ad altri giovani nelle moschee, così suo padre lo controlla anche in moschea», ha aggiunto.
Il numero di combattenti tunisini in Siria è di circa 5000 fonte, ministro dell’Interno. Non solo, secondo Ben Jeddou recentemente la Tunisia ha impedito che «8.000 jihadisti partissero per la Siria»”.
La più grande preoccupazione tra funzionari della sicurezza e gli osservatori è il ritorno di quei combattenti in Tunisia. Il governo deve ancora identificare una chiara strategia per trattare con loro e il loro reinserimento nella società «in modo che non si trasformano in bombe a orologeria che potrebbe esplodere in qualsiasi momento», fonte il quotidiano Echourouk della Tunisia.