TRANSNISTRIA. Tiraspol scrive all’Onu e all’Osce denunciando una catastrofe umanitaria

179

Il presidente della Transnistria, repubblica non riconosciuta, Vadim Krasnoselsky, ha inviato lettere alle Nazioni Unite e all’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa a causa della crisi delle relazioni con la Moldavia e per “prevenire una catastrofe umanitaria in Transnistria”.

Secondo Krasnoselsky, la crisi con la Moldavia «è dovuta all’effettivo rifiuto di Chisinau di attuare tutti gli accordi precedentemente firmati, al rafforzamento del blocco dei trasporti e dell’economia della Transnistria, nonché ai tentativi di annullare completamente il lavoro del negoziato riconosciuto a livello internazionale formato 5+2».

Afferma che «dalla seconda metà del 2019, la parte moldava ha completamente ignorato i suoi precedenti obblighi». Secondo il leader transnistriano, la pressione di Chisinau rischia di «far crollare l’economia e distruggere la sfera sociale» della regione.

Il processo di accordo tra le due parti è stato praticamente sospeso dopo l’elezione del presidente della Moldavia, Maia Sandu, si legge nella lettera. Così, dal 28 febbraio, tutti i posti di blocco al confine tra Transnistria e Ucraina sono stati chiusi, il che «incide negativamente sulla libertà di movimento di persone e merci».

Inoltre, secondo Krasnoselsky, la Moldavia ha violato gli accordi e «ha intrapreso la strada della selezione illegale di parte del gas naturale fornito destinato al territorio della Transnistria». Per questo motivo, la repubblica non riconosciuta riceve 2,3 milioni di metri cubi. m di gas al giorno invece dei prescritti 3,9 milioni di metri cubi. m.

A ottobre la Transnistria ha introdotto uno stato di emergenza nell’economia a causa di una riduzione delle forniture di gas, mentre i più grandi impianti della regione sono stati fermati.

Nel frattempo va avanti la corsa per aiutare la Moldavia nel suo complesso.

100 milioni di euro sono stati promessi per aiutare la Moldavia durante la terza conferenza dei donatori organizzata dalla Francia per il Paese il 21 novembre, ha annunciato il Presidente francese Emmanuel Macron.

La conferenza è stata organizzata per aiutare la Moldavia, uno dei Paesi più poveri d’Europa e gravemente colpito dalla guerra nella vicina Ucraina e dalla crisi energetica. Tuttavia, il Primo Ministro del Paese, Natalia Gavrilita, ha dichiarato che è troppo presto per dire se si tratta di nuovi fondi e, in caso affermativo, come verranno spesi. «In primo luogo, vorrei dire che siamo molto grati a coloro che hanno organizzato questa piattaforma di sostegno», ha detto Gavrilita in un programma televisivo su pro TV.

Parlando in una conferenza stampa con il presidente moldavo Maia Sandu, Macron ha detto che «abbiamo deciso di mobilitare un aiuto eccezionale di oltre 100 milioni di euro (…) Attualmente, in Moldavia, la situazione economica è utilizzata dai simpatizzanti della Russia e dai nemici dell’Europa per organizzare… manifestazioni a pagamento, per destabilizzare la presidenza e il governo, per combattere l’Europa. Quindi, abbandonare la Moldavia in questo momento significherebbe che l’Europa non è più fedele ai suoi valori e alle sue idee», ha aggiunto Macron, riporta BneIntelliNews.

La maggior parte dei 100 milioni di euro annunciati da Macron arriverà sotto forma di un prestito di 90 milioni di euro prorogato per il periodo 2023-2024 dall’Agenzia francese per lo sviluppo.

10 milioni di euro saranno trasferiti entro la fine dell’anno, sotto forma di sussidi che saranno concessi dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, dal Programma Alimentare Mondiale e dall’Unicef «per aiutare i rifugiati a pagare le bollette di questo inverno, il cibo e l’istruzione». La Moldavia ospita 80.000 rifugiati ucraini.

Due milioni di euro “saranno mobilitati” attraverso la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo per sostenere le riforme pubbliche, soprattutto nel settore energetico, riporta Radio France International.

Secondo i registri del governo moldavo, quest’anno i donatori hanno concesso al governo del Paese 622 milioni di euro, di cui 480 milioni di euro sono prestiti agevolati per finanziare il deficit di bilancio.

La Moldavia stima di aver bisogno di circa 1,1 miliardi di euro quest’inverno per pagare le spese extra sostenute dopo che Gazprom ha tagliato le forniture di gas al 50% dei livelli contrattuali a novembre, costringendola a cercare gas da altre fonti a un prezzo più alto e a importare elettricità costosa essenzialmente dal mercato spot della Romania, ad eccezione di un paio di accordi bilaterali sovvenzionati dallo Stato rumeno.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW