TIMOR EST. Eni, Santos e l’anidride carbonica di Bayu Undan

112

Eni e Santos stanno valutando le opportunità di cattura del carbonio al Bayu Undan di Timor Est.

L’australiana Santos e l’italiana Eni stanno studiando le opzioni per riconvertire le strutture di Bayu Undan per estendere la vita del progetto, incluso uno schema di cattura e stoccaggio del carbonio, Ccs. Il progetto Ccs sarebbe soggetto all’accordo del governo di Timor Est, noto anche come Timor Leste, ha detto oggi Santos.

Santos ed Eni hanno firmato un memorandum d’intesa per collaborare nell’Australia settentrionale e a Timor Est. Santos gestisce Bayu Undan per conto dei partner Eni, Inpex e SK E&S: «Le opportunità Ccs a Bayu-Undan sono estremamente eccitanti per Santos ed Eni e oggi stiamo dicendo che vorremmo essere aperti al business per prendere l’anidride carbonica (Co2)», ha detto l’amministratore delegato di Santos Kevin Gallagher.

Significativamente, Santos ha bisogno di compensare le emissioni di carbonio dal suo progetto Barossa, che è stato recentemente autorizzato. Lo sviluppo del campo di gas offshore Barossa al largo del Territorio del Nord dell’Australia ha l’etichetta poco simpatica di avere più anidride carbonica di qualsiasi gas attualmente trasformato in gas naturale liquefatto, secondo un rapporto dell’Istituto per l’economia dell’energia e l’analisi finanziaria, Ieefa. Gallagher ha aggiunto che «nel 2019 la Convenzione di Londra è stata modificata per consentire il trasporto di Co2 attraverso le giurisdizioni per consentire la creazione di hub di stoccaggio». Presumibilmente, Santos vorrebbe spedire la Co2 da Barossa a Bayu Undan per lo stoccaggio, riporta Energy News.

«Un progetto Ccs a Bayu-Undan potrebbe fornire una nuova industria che crea posti di lavoro e genera entrate per Timor Est, con crediti di carbonio di qualità che aumentano sia la domanda che il valore a livello internazionale (…) Catturare e immagazzinare Co2 dalle industrie nel Territorio del Nord lo aiuterà a raggiungere il suo obiettivo di emissioni nette zero entro il 2050. Questo è buono per l’ambiente, buono per i posti di lavoro locali, buono per gli investimenti locali e buono per lo sviluppo regionale», ha detto Gallagher.

L’accordo non vincolante è una dimostrazione di intenti da parte di Eni e Santos di collaborare insieme e con altre parti nella regione per utilizzare le infrastrutture esistenti in modo più efficiente, sbloccare la ricchezza delle risorse regionali di gas e creare nuove opportunità commerciali a bassa emissione di carbonio sia per l’Australia settentrionale che per Timor Est, ha detto Santos.

Maddalena Ingrao