THAILANDIA. Si è aperta Cobra Gold: esercitazione di 30 paesi

244

Gli Stati Uniti e la Tailandia hanno inaugurato la scorsa settimana l’esercitazione militare annuale Cobra Gold, con il contingente statunitense più numeroso degli ultimi dieci anni che si addestra con le forze di 30 Paesi per migliorare l’interoperabilità regionale.

Il Cobra Gold di quest’anno sarà il primo ad addestrare il personale su disastri spaziali che potrebbero compromettere i sistemi di comunicazione satellitare. Parteciperanno più di 6.000 militari statunitensi, di cui 3.800 di terra, e la Thailandia con 3.000 uomini, riporta Nikkei.

L’esercitazione militare più longeva del sud-est asiatico è stata l’occasione per gli Stati Uniti, la Thailandia e un gruppo a rotazione di Paesi partecipanti di condividere manovre e tattiche sul campo di battaglia e di addestrarsi a nuove tecnologie ed equipaggiamenti dal 1982. Negli ultimi due anni, a causa della pandemia, le dimensioni dell’esercitazione sono state ridotte.

L’esercitazione principale coinvolge centinaia di truppe provenienti da Indonesia, Giappone, Malesia, Singapore e Corea del Sud. Altri dieci Paesi – Bangladesh, Brunei, Canada, Figi, Francia, Mongolia, Nepal, Nuova Zelanda, Filippine e Regno Unito – parteciperanno a workshop per la pianificazione operativa multinazionale. Altri 10 osservatori includono Cambogia, Germania e Vietnam. Il Myanmar non ha partecipato dopo la presa di potere militare del 2021.

«Attraverso Cobra Gold, dimostriamo la nostra determinazione a rispondere insieme per preservare un Indo-Pacifico libero e aperto, in modo che tutte le nazioni possano mantenere la pace, la stabilità e la prosperità», ha dichiarato l’ammiraglio John Aquilino, comandante del Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti, durante la cerimonia di apertura.

Aquilino ha sottolineato come la risposta americana e tailandese al recente terremoto in Turchia e ad altri disastri naturali sia il risultato dell’addestramento a Cobra Gold.

Cina, India e Australia parteciperanno alle esercitazioni umanitarie e di soccorso in caso di disastri. Il ministero della Difesa cinese ha dichiarato di aver inviato un contingente dell’esercito del Comando del Teatro Sud dell’Esercito Popolare di Liberazione, che supervisiona il Mar Cinese Meridionale e i confini terrestri con il Sud-Est asiatico.

«Ciò che rende speciale Cobra Gold è che esemplifica il tessuto della nostra amicizia, un’amicizia genuina che abbiamo tessuto insieme negli ultimi 200 anni», ha dichiarato l’ambasciatore statunitense in Thailandia Robert Godec in una conferenza stampa congiunta con il Gen. Thitichai Thienthong, capo di stato maggiore delle Forze Armate Reali Thailandesi, all’inizio del mese.

La pandemia ha bloccato per due anni il pieno ripristino del Cobra Gold, a seguito di un raffreddamento delle relazioni bilaterali dopo il colpo di Stato dei militari thailandesi nel 2014.

L’anno scorso hanno partecipato solo 3.460 uomini provenienti dai sette Paesi principali a causa della diffusione della variante omicron. Le attività sono state limitate perché sono state cancellate le esercitazioni che coinvolgevano i civili, come le esercitazioni di evacuazione e le interazioni con le comunità. Le esercitazioni di pianificazione umanitaria si sono svolte virtualmente.

Tutti gli eventi dovrebbero tornare quest’anno, insieme agli sbarchi anfibi.

Cobra Gold si compone di tre parti principali: un’esercitazione per il personale, che comprende la formazione del personale “anziano”; esercitazioni umanitarie e di soccorso in caso di calamità; addestramento sul campo. Le precedenti edizioni hanno addestrato le forze a costruire ostacoli difensivi, a smaltire mine e a sopravvivere nelle giungle del Sud-Est asiatico.

L’ingente contingente statunitense arriva mentre la regione indo-pacifica cerca impegni tangibili da parte di Washington non solo nella difesa, ma anche nel commercio e negli investimenti. Le relazioni tra gli Stati Uniti e la Thailandia, alleati dal 1833, si sono ristabilite nonostante gli ex capi militari thailandesi che hanno guidato il colpo di Stato del 2014 siano ancora ai vertici del governo.

Dopo il colpo di Stato, gli Stati Uniti hanno sospeso gli aiuti militari alla Thailandia, comprese le sovvenzioni e i prestiti per l’acquisto di attrezzature di difesa statunitensi e il finanziamento dell’addestramento militare. Nello stesso anno, la Cina ha iniziato a partecipare alle esercitazioni umanitarie Cobra Gold. Secondo l’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, la Thailandia è stata il terzo più grande destinatario delle esportazioni di armi cinesi dal 2017 al 2021.

Le vendite militari estere dagli Stati Uniti alla Thailandia ammontavano a 2,85 miliardi di dollari l’anno scorso. La Royal Thai Air Force sta aspettando che il Congresso degli Stati Uniti approvi la vendita di 413 milioni di dollari di jet da combattimento F-35, dato che la sua flotta di F-16 è prossima alla dismissione.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/