TERZAPAGINA. Vendesi Pollock per gli “emarginati”

19

La testata artnews.com informa che l’Everson Museum of Art di Siracuse, New York mette in vendita un dipinto di Jackson Pollock del 1946 intitolato Red Composition nel tentativo di diversificare la sua collezione. Il museo ha consegnato l’opera a Christie’s, che venderà il dipinto nella prima vendita serale di arte moderna e contemporanea il 6 ottobre. Il valore dell’opera è stimato in 12-18 milioni di dollari.

Red Composition presenta la tecnica a goccia dell’espressionista astratto, dipinta subito dopo che Pollock ha completato la sua serie formativa “Sounds in Grass“, un esempio della quale si trova nella collezione Solomon R. Guggenheim.

Un comunicato dell’Everson Museum riporta che il suo consiglio di amministrazione ha deciso all’unanimità di vendere l’opera per raccogliere fondi per l’acquisizione di opere di artisti emarginati. Il trasferimento è un’estensione del piano delle priorità di raccolta del museo, istituito nel 2017 e messo in atto per colmare le lacune storiche della collezione. Il fondo istituito dalla vendita sarà utilizzato anche per il mantenimento della collezione del museo, che ospita più di 10.000 opere, molte delle quali sono di artisti americani moderni e contemporanei.

Citando l’uccisione di George Floyd da parte della polizia e la violenza contro i neri americani, la direttrice dell’Everson, Elizabeth Dunbar, ha detto che gli eventi degli ultimi mesi hanno accelerato l’iniziativa del museo. «Vendendo un’unica opera d’arte, possiamo fare enormi passi avanti nella costruzione di una collezione che rifletta la diversità della nostra comunità e garantisca che rimanga accessibile a tutti per le generazioni a venire». Le nuove acquisizioni effettuate attraverso il fondo sono autorizzate per il 2021, anche se i suoi piani per il futuro non sono ancora stati dettagliati.

L’Everson Museum non è l’unica istituzione culturale ad aver venduto opere prestigiose per affrontare i problemi di sottorappresentazione della propria collezione. Nel giugno 2019, il San Francisco Museum of Modern Art ha venduto un dipinto di Mark Rothko per 50,1 milioni di dollari da Sotheby’s, e ha poi utilizzato i fondi per acquistare 11 opere di artisti come Mickalene Thomas, Alma Thomas, Kay Sage e Leonora Carrington.

Un anno prima, il Baltimore Museum of Art ha venduto sette opere del suo patrimonio attraverso Sotheby’s per creare un fondo che aggiungesse al suo patrimonio opere d’arte contemporanea di donne e artisti del colore. La vendita ha visto opere di Andy Warhol, Franz Kline, Jules Olitski e Kenneth Noland generare 7,93 milioni di dollari all’asta; un Robert Rauschenberg è stato venduto anche privatamente. Con il denaro portato da queste vendite, il museo ha acquistato opere di Senga Nengudi, Melvin Edwards, Meleko Mokgosi e Carrie Mae Weems.

Maddalena Ingrao