TERRORISMO. Piano UE entro la fine del 2020

39

I ministri degli Interni dell’Ue il 13 novembre hanno promesso una repressione coordinata dell’estremismo islamista dopo gli attacchi del mese scorso a Parigi, Nizza e Vienna, nonostante l’Unione si trovi bloccata tra la minaccia di attacchi terroristici e la stigmatizzazione delle comunità musulmane.

«Alla fine, tutti i ministri degli Interni hanno adottato una dichiarazione congiunta sui recenti attacchi in Europa», ha detto il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer dopo l’incontro, ripreso da Euractiv. «È un grande segno di coesione e solidarietà», ha aggiunto, parlando a fianco del commissario europeo per gli Affari interni Ylva Johansson. Nella loro dichiarazione congiunta, i ministri hanno convenuto di finalizzare i negoziati sui regolamenti per una più rapida rimozione dei contenuti terroristici online entro la fine di quest’anno.

«L’obiettivo è quello di consentire l’emissione di ordini di allontanamento con effetto transfrontaliero per creare un nuovo strumento rapido ed efficace per contrastare i contenuti terroristici online entro un’ora o meno dalla loro segnalazione, mantenendo al tempo stesso garanzie efficaci per la protezione dei diritti fondamentali», si legge nella dichiarazione. Prima dell’incontro, Seehofer aveva dichiarato che nella lotta al terrorismo gli investigatori devono poter accedere anche alle comunicazioni criptate.

«Personalmente, sono favorevole all’utilizzo di tutti i servizi di intelligence che sono teoricamente a nostra disposizione», ha detto Seehofer ai giornalisti. All’inizio di questa settimana, ha annunciato piani per vietare la crittografia sicura dei messaggi su canali come WhatsApp ha causato proteste da parte degli attivisti per i diritti civili e la protezione dei dati, tanto che alla fine il messaggio è stato attenuato nella dichiarazione ministeriale finale.

I ministri hanno affermato che la sicurezza delle frontiere rimarrà di competenza degli Stati membri, ma hanno sostenuto gli sforzi per la creazione di banche dati coordinate sulla sicurezza dell’Ue; hanno anche accettato di rafforzare le frontiere esterne dell’Ue, poiché «le autorità competenti devono sapere chi entra nell’area Schengen e chi viaggia al suo interno (…) Dobbiamo controllare efficacemente le nostre frontiere esterne, registrare gli ingressi e le uscite dallo spazio Schengen in forma digitale e cooperare più strettamente con i paesi terzi per combattere le minacce terroristiche (…) È necessario rafforzare e sviluppare ulteriormente le opzioni per le misure di sicurezza all’interno dell’area Schengen e gli strumenti per la cooperazione transfrontaliera tra le forze dell’ordine (…) continuando con l’attuazione della legislazione europea sulle nuove banche dati e l’interoperabilità delle nostre banche dati», hanno detto i ministri.

Inoltre, ci sono anche idee per un ruolo rafforzato e maggiori poteri per l’agenzia di polizia dell’Ue, Europol, nella condivisione di intelligence tra gli Stati membri.

Il commissario europeo per gli Affari interni Ylva Johansson ha annunciato che la Commissione Europea intende presentare un piano d’azione per combattere il terrorismo all’inizio di dicembre. La spinta arriva dopo che diversi leader all’inizio di questa settimana hanno promesso di rinnovare gli sforzi per combattere il terrorismo islamico, chiedendo una riforma dell’area Schengen e misure contro i combattenti stranieri.

Johansson ha descritto il risultato come un buon segnale per tutti gli Stati membri europei che volevano agire contro il terrorismo e l’estremismo: «Dobbiamo fare ancora di più per proteggere i nostri valori europei, la nostra società europea e i nostri cittadini europei (…) Si vuole fare di più e che si collabori di più e credo che questo sia necessario». La dichiarazione congiunta non ha evidenziato alcuna particolare fede religiosa.

Gli Stati membri si sono invece impegnati a proteggere “l’espressione religiosa che è pacifica e rispettosa delle leggi adottate dai nostri Stati membri. Questo vale per tutte le religioni (…) La nostra lotta contro il terrorismo non è diretta contro qualsiasi credo religioso o politico, ma contro l’estremismo fanatico e violento» si legge nella dichiarazione.

Inoltre, «Ci si aspetta che i migranti facciano uno sforzo attivo per integrarsi e le violazioni delle leggi e dei valori europei non dovrebbero essere minimizzate né tollerate, non importa cosa le motivi».

Maddalena Ingrao