Più benzina da Teheran

67

IRAN – Teheran 14/6/13. L’Iran ha aumentato la capacità di raffinazione delllo stabilimento petrolchimico di Lavan portandola a da 10mila barili al giorno (bpd), nel tentativo di contrastare le sanzioni degli Stati Uniti sull’esportazione di greggio, esportando prodotti petrolchimici, stando a quanto riporta l’agenzia Mehr News.

Il piano è stato lanciato a maggio 2013, portando a 10mila bpd la produzione di benzina, gasolio e nafta. La capacità di raffinazione del petrolio iraniano è attualmente di circa 1,85 milioni bpd. L’amministrazione Obama ha inserito nella lista nera una serie di compagnie petrolchimiche iraniane, l’industria automobilistica del paese, più di 50 funzionari iraniani, e ha minacciato di sanzionare le banche straniere che commerciassero o detenessero riserve nella moneta nazionale iraniana, il rial. Nel mese di gennaio 2013, l’agenzia Moj, citando Mohammad Ziar, dirigente della National Iranian Petrochemical Company, riportava che l’Iran avrebbe stabilito 11 siti petrolchimici nelle province del Khuzestan e di Bushehr, nel sud del paese. La costruzione di questi siti è proiettata al rilancio delle esportazioni petrolchimiche, poiché si tratta di siti in province di confine, i costi di trasporto saranno ridotti, riportava Moj. Il 19 gennaio, Ziar aveva detto che circa 8 miliardi dollari sarebbero stati investiti nell’ammodernamento delle raffinerie del paese a Teheran, Arak, Bandar Abbas, e Abadan. Le raffinerie iraniane devono fornire benzine secondo gli standard Euro-4 standard dall’inizio del prossimo anno del calendario iraniano (21 marzo 2013).  La benzina prodotta attualmente rispetta lo standard Euro-2, le raffinerie di nuova costituzione saranno in grado di produrre benzina che soddisfi sia gli standard Euro 4 che Euro 5. Nel dicembre 2012, L’Irna annunciava che circa 50 milioni di litri di benzina e gasolio, con standard euro-4 ed Euro 5, sarebbero stati prodotti in Iran per fine del corrente anno solare iraniano, negli impianti di  Shazand, Tondgouyan, Abadan, e Lavan.