TAPI ai nastri di partenza

60

TURKMENISTAN – Ashgabat 14/11/2014. Le società del gas di quattro paesi hanno costituito una società che sarà impegnata nella costruzione e, successivamente, nella gestione del gasdotto Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India (Tapi).

Lo ha annunciato la Banca asiatica di sviluppo (Adb),consulente di transazione per il progetto Tapi. La società è stata fondata da Turkmengaz State Concern, Afghan Gas Corporation, Inter State Gas Systems Limited del Pakistan (società privata) e l’indiana Gail Limited.
ADB ha detto che le società di cui sopra avranno quote paritetiche nel capitale della nuova società. «La creazione della società del gasdotto Tapi è una pietra miliare nello sviluppo del progetto del gasdotto e un risultato tangibile della collaborazione tra le parti coinvolte» ha detto il direttore generale del Dipartimento Asia centrale e occidentale di Adb, Klaus Gerhaeusser. Gerhaeusser ha espresso la speranza che la creazione di questa azienda consenta di rafforzare la sicurezza energetica, espandere le opportunità di business e ottenere pace e stabilità nella regione. Il presidente turkmeno Gurbanguly Berdimuhamedov aveva anunciato ad ottobre che si prevedeva di iniziare la costruzione del Tapi nel 2015: «Il progetto per la costruzione del gasdotto Tapi ha lo scopo di garantire lo sviluppo economico degli Stati partecipanti e il rafforzamento della stabilità politica nella regione», aveva detto. Il pakistano Express Tribune ha scritto che Petronas e Total sostengono la leadership nel consorzio. Il documento di base per la promozione di Tapi è l’accordo di Ashgabat firmato nel 2010; la capacità del Tapi sarà di 33 miliardi di metri cubi di gas all’anno, mentre la durata prevista è di 30 anni. I contratti di compravendita sono stati firmati con l’indiana Gail Ltd e la Inter State Gas Systems Ltd del Pakistan nel maggio 2012. Lo stesso accordo con Gas Corporation afgana è stato firmato a luglio 2013. L’accordo con Adb è stato firmato a novembre del 2013. La lunghezza totale del Tapi raggiungerà i 1.735 km. Circa 200 chilometri di gasdotto passeranno in Turkmenistan, 735 km, in Afghanistan, 800 km, attraverso il Pakistan verso l’insediamento di Fazilka, situato al confine con l’India. Il più grande campo gasifero del Turkmenistan, Galkynysh, può servire come fonte per il gasdotto ei lavori in Turkmenistan sono già iniziati.