La Macedonia pronta a entrare in TAP

53

AZERBAIJAN – Baku. 09/0)/14. La Macedonia è interessata a partecipare alla Trans Adriatic Pipeline (TAP) come partner. Lo ha detto oggi il Vice Primo Ministro e Ministro delle Finanze della Macedonia, Zoran Stravreski. 

«Una volta che il progetto è pronto, abbiamo espresso la nostra intenzione a partecipare come partner e terremo discussioni», ha detto. Secondo lui, l’Azerbaigian e la Macedonia – sono paesi amici che sono stabili sia politicamente che economicamente. «Nonostante il fatto che l’anno scorso i due paesi hanno firmato due accordi per evitare la doppia imposizione e di promozione degli investimenti, le relazioni tra l’Azerbaigian e la Macedonia in queste aree sono ad un livello basso. Lo scopo della nostra visita è quello di sviluppare le relazioni bilaterali in questi settori e per stimolare appropriate strutture dei due paesi, al fine di dare un contributo significativo a questo processo» ha detto. Secondo lui, le relazioni bilaterali tra la Macedonia e l’Azerbaigian possono essere maggiormente sviluppare in particolare nella produzione e trasformazione di prodotti agricoli, così come nel turismo. «Le società azere, dopo aver costruito un business in Macedonia, saranno in grado di consegnare i loro prodotti sul mercato europeo che conta 650 milioni di consumatori» ha detto il vice primo ministro. TAP è un progetto del  consorzio per lo sviluppo del campo azero “Shah Deniz” come un percorso per il trasporto di gas i mercati europei. Progetto TAP mira a trasportare il gas dalla regione del Caspio attraverso la Grecia, l’Albania e il Mare Adriatico a sud Italia e poi – in Europa occidentale. La lunghezza totale del gasdotto è di circa 870 km. La costruzione del gasdotto è previsto nel 2016. La capacità iniziale del gasdotto TAP sarà di 10 miliardi di metri cubi all’anno, espandibili a 20 miliardi di metri cubi all’anno. Gli azionisti di TAP sono: BP (20 per cento), SOCAR (20 per cento), “Statoil” (20 per cento), “Fluxys” (16 per cento), “Total” (10 per cento), E.ON (nove per cento) e “Axpo “(cinque per cento).