Energia: Baku l’UE nuovo mercato

39

AZERBAIJAN – Baku. 07/01/14. La scelta della Trans – Adriatica (TAP), la linea di gasdotto che dall’Azerbaijan arriverà all’Europa, comporterà anche un aumento degli investimenti a fianco l’uso razionale delle risorse energetiche e il rafforzamento della sicurezza energetica, parola di Ministro per l’Energia, Natig Aliyev. Fonte Trend.

 

Il Corridoio meridionale del gas è un progetto che permetterà all’Europa di diversificare le proprie fonti di approvvigionamento di idrocarburi e rafforzare la sicurezza energetica e per l’Azerbaijan sarà un nuovo mercato in Europa. Non solo, secondo il ministro, TAP rappresenta un nuovo passo verso la trasformazione l’Azerbaigian in un garante affidabile di sicurezza energetica dell’Europa.

La decisione finale di investimento per la seconda fase di sviluppo del giacimento di gas condensato di Shah Deniz in cui il gas andrà in primo luogo al mercato europeo è stato adottato a Baku il 17 dicembre 2013.

Il Gas all’interno della seconda fase dello sviluppo del campo verrà esportato in Europa attraverso l’espansione del gasdotto del Caucaso meridionale e la costruzione dei Trans- Anatolian (TANAP) e Trans – Adriatico (TAP) .

La capacità iniziale del gasdotto TAP sarà di 10 miliardi di metri cubi l’ anno, con possibilità di espansione fino a 20 miliardi di metri cubi all’anno. Gli azionisti TAP sono BP (20 per cento), Socar (20 per cento) , Statoil (20 per cento) , Fluxys (16 per cento) , Total (10 per cento), E.ON ( nove per cento ) e Axpo (cinque per cento).