TAJIKISTAN. Dushanbe cede territorio e miniere d’oro per ripagare Pechino

133

La presenza di Pechino in Tajikistan è tangibile: una serie di cartelli sono posti su tutte le strutture realizzate con i contributi cinesi come edifici e autobus pagati con prestiti e sovvenzioni concessi da Pechino: ad esempio la nuova sede del Parlamento. Il complesso, che sta sorgendo dove un tempo si trovava la sede del Partito Comunista di epoca sovietica, è stato completato con una sovvenzione di 250 milioni di dollari; e altri 120 milioni di dollari sono stati elargiti dalla Cina per la costruzione di un nuovo municipio. In teoria, tutto questo avviene senza vincoli, ma non è così sicuro.

Stando a Eurasianet, ci sono grandi debiti che il governo di Dushanbe ha contratto e in qualsiasi momento, tutto questo potrebbe servire come pretesto per un’espansione politica e geopolitica.

Dei 3,3 miliardi di dollari che il Tagikistan doveva ai creditori internazionali all’inizio del 2022, il 60% – 1,98 miliardi di dollari – è dovuto alla Export-Import Bank of China, meglio nota come Eximbank. Le ingenti passività dello Sri Lanka nei confronti della Cina sono balzate agli onori delle cronache internazionali negli ultimi mesi, ma ciò che il Paese deve a Pechino rappresenta solo il 10% circa del suo debito estero.

La maggior parte dei rimborsi annuali del debito del Tagikistan sono, senza dubbio, destinati alla Cina, ma il ritmo con cui il denaro viene restituito non sarà affatto rassicurante per il paese centroasiatico. Dei 131,9 milioni di dollari rimborsati dal Tagikistan nel 2021, 65,2 milioni sono andati alla Cina in una forma o nell’altra. Quasi 22 milioni di dollari del denaro pagato alla Cina erano interessi maturati.

Il debito cinese è stato solitamente esteso per la costruzione o la revisione di infrastrutture di trasporto o di progetti energetici. Il più delle volte i lavori sono realizzati dalle stesse aziende cinesi.

Poiché gli accordi sul debito cinese sono segreti, è complicato stabilire i termini e persino l’entità del credito.

Nel breve termine, tuttavia, il peso del debito sta costringendo il Tagikistan a dare via l’oro di famiglia. Nel 2016, la società Tbea, con sede a Xinjiang, ha dato gli ultimi ritocchi ai lavori per la costruzione di una centrale elettrica da 400 megawatt a Dushanbe, nota come TETs-2. Il governo tagiko ha contribuito al progetto per soli 17,4 milioni di dollari. Il resto è arrivato dalla stessa Tbea. Tre anni dopo, per ripagare il debito, il Tagikistan ha semplicemente dato a Tbea la concessione per sviluppare le miniere d’oro Upper Kumarg e Eastern Duoba, entrambe situate nel distretto settentrionale di Ayni. La decisione è stata approvata dal parlamento. All’epoca, il sito web cinese Securities Times citava il presidente della Tbea, Zhang Xin, secondo cui se le miniere non avessero contenuto oro sufficiente a coprire i costi, il Tagikistan avrebbe concesso una licenza di sviluppo per un altro giacimento.

Accogliendo questo approccio, nello stesso anno il parlamento ha votato per esentare un’altra società cinese, la Kashgar Xinyu Dadi Mining Investment, da tutti i tipi di tasse e dazi doganali per un periodo di sette anni. Alla società mineraria sono stati inoltre concessi i diritti di sviluppo di un giacimento d’argento nella regione del Pamir, ad alta quota.

Non si sa con certezza cosa abbia fatto Kashgar Xinyu Dadi Mining Investment per ottenere un trattamento così generoso, ma si pensa che sia stato in cambio della sottoscrizione da parte del governo cinese dei progetti del parlamento e del municipio di Dushanbe.

La domanda che ci si pone è quanto il Tagikistan sarà disposto a cedere mentre continua a lottare per saldare tutti i suoi debiti. L’opposizione sottolinea a proposito la questione controversa della cessione a Pechino, nel 2011, di circa 1.100 chilometri quadrati di terra, pari a circa l’1% del territorio nazionale. Ciò significa che il Tagikistan è passato, secondo i dati ufficiali, da un’area di 143.100 chilometri quadrati a 142.000 chilometri quadrati.

All’epoca i funzionari tagiki insistettero sul fatto che questo sviluppo aveva segnato una grande vittoria per loro, poiché la Cina, nell’ambito di una disputa territoriale risalente all’era sovietica, aveva chiesto circa il 5,5% del territorio che il Tagikistan rivendicava come proprio. Dal 2011 il Tagikistan si è ulteriormente ridotto. Secondo i dati dell’Agenzia Statale di Statistica, usa tv tagika Your.tj ha scoperto che il Tagikistan copre solo 141.400 chilometri quadrati, il che implica che altri 600 chilometri quadrati di territorio sono scomparsi. Non è chiaro dove sia finito questo territorio, forse ora è cinese, si chiede l’emittente.

Graziella Giangiulio