TAIWAN. Sul modello dei Bayraktar turchi, Taipei si fa i suoi UAV

125

In questo mese Taiwan ha completato i test di volo a lungo raggio del suo drone Teng Yun 2, avanzamento importante per rafforzare le proprie difese e raggiungere l’autosufficienza nella produzione di armi. Il drone è decollato dalla base aerea di Chiashan a Hualien e ha sorvolato il mare per quasi tre ore.

Il volo di prova ha convalidato i progressi di Taiwan nel comando e controllo dei droni, poiché tutte le apparecchiature di comunicazione devono funzionare perfettamente durante i voli prolungati in mare aperto. I test hanno anche verificato le prestazioni delle apparecchiature ottiche del drone e le sue capacità di sorveglianza, riporta AT.

Il Teng Yun 2 è stato sviluppato dal National Chung Shan Institute of Science and Technology nel 2016. Assomiglia all’MQ-1 Predator statunitense e può utilizzare gli stessi missili AGM-114 Hellfire usati da quest’ultimo. Taiwan prevede di iniziare i test di combattimento con il drone il mese prossimo e di formare uno squadrone da combattimento con i suoi quattro droni MQ-9B Sea Guardian acquistati dagli Stati Uniti nel 2020.

Il “muletto” è una versione aggiornata di un drone di prima generazione che si è schiantato durante i test di volo nel febbraio dello scorso anno. Tra i miglioramenti dell’unità di prova vi sono un motore di fabbricazione statunitense, una maggiore spinta, una maggiore autonomia, un maggior numero di carichi utili, un sistema di controllo del volo migliorato e un sistema di alimentazione a triplo backup. Oltre al Teng Yun 2, l’Istituto Chungshan ha sviluppato altri quattro droni. Tra questi, i droni di sorveglianza e ricognizione Albatross 2 e Cardinal 2, con un raggio d’azione rispettivamente di 180 chilometri e 50 chilometri.

Gli altri due droni, il Teng Yun e il Chien Hsiang, sono droni suicida progettati per attacchi contro obiettivi terrestri. Il successo dei droni turchi Bayraktar in Ucraina ha spinto il presidente taiwanese, il mese scorso, Tsai Ing-Wen a sottolineare lo sviluppo di droni da combattimento: «Indipendentemente dal fatto che sia per uso militare o civile, è altamente necessario per noi accelerare lo sviluppo di droni, perché sarà una questione importante per la prossima generazione».

Lo sviluppo del Teng Yun 2 e di altri droni è in linea con il sostegno alla strategia del porcospino di Taiwan, che prevede l’impiego di molti piccoli mezzi altamente sopravvissibili e letali sul campo di battaglia. Ciò implica l’uso di numerose difese antiaeree e antinave distribuite, mobili e accessibili, che potrebbero essere dispiegate in numero sufficientemente elevato da sopravvivere agli attacchi aerei e missilistici iniziali della Cina e da essere disponibili per difendere Taiwan. Tale strategia richiederebbe che Taiwan sia autosufficiente e produca queste armi fondamentali.

Sebbene Taiwan si sia tradizionalmente affidata alle armi statunitensi per le sue esigenze di difesa, questi acquisti sono stati criticati dal Kuomintang in quanto eccessivamente costosi o per sistemi d’arma meno avanzati o obsoleti. Ha aggiunto che gli appaltatori della difesa statunitensi lavorano solo per il profitto e non si preoccupano delle reali esigenze di difesa di Taiwan. A tutto ciò si devono aggiungere i ritardi causati dalla guerra in Ucraina che de facto hanno messo le spedizioni di armi a Taiwan in secondo piano nella lista delle priorità degli Stati Uniti.

I sistemi senza pilota giocano un ruolo chiave nel Concetto Generale di Difesa di Taiwan, la strategia del Paese per affrontare una potenziale invasione cinese in un ambiente con risorse limitate. L’obiettivo è quello di contrastare un’invasione cinese e i tentativi di esercitare un controllo politico su Taiwan abbracciando una postura di difesa asimmetrica e incorporando capacità tattiche asimmetriche.

Nell’ambito di questa strategia, i sistemi senza pilota come il Teng Yun 2 e altri modelli aumenteranno in modo significativo le capacità di acquisizione di obiettivi, di allerta precoce e di ricognizione tattica di Taiwan. Infatti, questi droni potrebbero essere impiegati per monitorare le attività degli obiettivi sul campo di battaglia e creare un vantaggio asimmetrico.

Tommaso Dal Passo