TAIWAN. Pechino reagisce al G7: 28 aerei militari cinesi sui cieli di Taipei

43

Ventotto aerei militari cinesi hanno volato nelle zone di identificazione della difesa aerea di Taiwan il 15 giugno. Si tratta della più grande incursione da quando Taipei ha iniziato a segnalare regolarmente tali azioni l’anno scorso, secondo il ministero della Difesa di Taiwan.

I voli del 15 giugno, che includevano jet da combattimento, bombardieri e aerei antisommergibile e di allarme, hanno superato il precedente picco di 25 aerei segnalato il 12 aprile, riportano Reuters e Cnn.

Mentre non c’è stato alcun commento immediato da Pechino sugli ultimi voli, la notizia arriva dopo che i leader del Gruppo dei Sette hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che rimprovera la Cina per una serie di questioni e sottolinea l’importanza della pace e della stabilità attraverso lo stretto di Taiwan – commenti che la Cina ha condannato come “calunnia”.

I recenti voli sono probabilmente serviti a diversi scopi per la Cina, sia dimostrare la forza dell’Esercito Popolare di Liberazione, sia dando al PLA informazioni e competenze di cui avrebbe bisogno in qualsiasi potenziale conflitto che coinvolga Taiwan.

Il sorvolo è avvento dopo l’atterraggio del 6 giugno di un jet da trasporto C-17 della US Air Force a Taipei, evento percepito come una “umiliante sfida” alla rivendicazione di sovranità di Pechino su Taiwan: l’atterraggio di qualsiasi aereo militare straniero sul suolo di un’altra nazione è strettamente regolato dalle norme internazionali e richiede un’autorizzazione specifica. Il C-17, che stava portando una delegazione del Senato degli Stati Uniti a Taiwan per la donazione di 750.000 dosi di vaccino Covid-19.

Taiwan si è lamentata negli ultimi mesi delle ripetute missioni dell’aviazione cinese vicino all’isola, concentrate nella parte sud-occidentale della sua zona di difesa aerea vicino alle isole Pratas controllate da Taiwan.

I voli del 15 giugno includevano aerei di early-warning per la raccolta di informazioni. Questi aerei possono misurare la risposta di Taiwan e queste informazioni potrebbero essere utilizzate in caso di possibili missioni di combattimento in futuro.

Non solo gli aerei cinesi hanno volato in una zona vicina alle isole Pratas, ma i bombardieri e alcuni dei caccia hanno volato intorno alla parte meridionale di Taiwan vicino alla punta inferiore dell’isola, secondo una mappa fornita dal Ministero di Taipei.

Luigi Medici