TAGIKISTAN. I tagiki spieranno i talebani per i cinesi

96

Quando il 28 ottobre il parlamento del Tagikistan ha detto che la Cina finanzierà la costruzione di un “avamposto di sicurezza” vicino al confine con l’Afghanistan, l’annuncio ha fatto scoprire una relazione di sicurezza che si è evoluta negli ultimi anni con un occhio al controllo del terrorismo islamico e dei gruppi militanti senza destare troppa attenzione.

L’avamposto, che sarà situato vicino al villaggio di Vakhon nella provincia autonoma orientale di Gorno-Badakhshan del Tagikistan, nelle montagne del Pamir che confinano con la provincia cinese dello Xinjiang e la provincia afghana del Badakhshan, sarà nominalmente utilizzato dalle forze speciali della polizia tagika e gestito dal ministero degli Affari interni. struttura è però vista come una stazione di spionaggio, ma il parlamento del Tagikistan, a sua volta ospitato in un edificio costruito e donato da Pechino, ha insistito che le truppe cinesi non saranno di stanza nella struttura, riporta AT.

La Cina si occuperà della progettazione della struttura e fornirà il suo equipaggiamento, secondo quanto riportato dalla stampa tagika. Le forze di polizia e gli altri che saranno nel nuovo avamposto dovranno monitorare oltre il confine afgano.

La posizione del nuovo avamposto di sicurezza tagiko sottolinea le preoccupazioni di Pechino. Le province settentrionali dell’Afghanistan servono come rifugi sicuri per vari gruppi terroristici transnazionali che operano nel paese, tra cui l’Etim, che si sta legando con gli uiguri per rafforzare le sue fila. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite del giugno 2021, c’erano allora da 8.000 a 10.000 combattenti stranieri che operavano in Afghanistan. I combattenti dell’Etim aiutavano attivamente i talebani ad assicurarsi obiettivi nella provincia di Badakhshan contro le forze governative.

Le autorità tagiche hanno deportato circa 3.000 uiguri in Cina negli ultimi anni, creando le premesse per le accuse di complicità nella repressione cinese dello Xinjiang.

Il sistema di sorveglianza da installare presso l’avamposto sarà “made-in-China”, il che probabilmente significa che consiglieri e tecnici cinesi saranno lì per assistere le loro controparti tagike. I tagiki si concentreranno su Jamaat Ansarullah, noto anche come Ansarullah, un gruppo estremista fondato da un ex comandante dell’opposizione tagika, Mahdi Arsalon, una decina di anni fa, che è deciso a rovesciare il governo. Jamaat Ansarullah è stato messo fuori legge come organizzazione terroristica da Dushanbe e i talebani afgani hanno messo Arsalon a controllare la sicurezza di cinque distretti vicino al confine tagiko in luglio.

L’avamposto non sarà la prima collaborazione di sicurezza tagiko-cinese. Le due parti hanno condotto le loro prime esercitazioni congiunte contro il terrorismo nel 2006 e più recentemente nell’agosto di quest’anno. Le due parti tengono anche esercitazioni attraverso la Shanghai Cooperation Organization, Sco.

Inoltre, negli ultimi cinque o sei anni, la Cina ha tranquillamente contribuito a far funzionare la base militare di Shaymak nella regione di Murghab del Tagikistan, vicino al confine con l’Afghanistan e lo stretto corridoio Wakhan che si estende dall’Afghanistan alla regione cinese dello Xinjiang.

Anna Lotti