TAGIKISTAN. Energia idroelettrica contesa tra Occidente e Oriente

43

Il centro studi New Eastern Outlook ha pubblicato una analisi sull’energia idroelettrica del Tagikistan Secondo cui il Tagikistan è uno dei paesi più montuosi dell’Asia centrale e del mondo nel suo insieme, il che rende in gran parte l’energia idroelettrica una delle industrie chiave del paese. Pyanj, Vakhsh, Kafernigan e Zeravshan: le risorse idriche ed energetiche della repubblica sono state stimate in 527 miliardi di kWh. all’anno (l’ottavo valore più alto al mondo), di cui la repubblica riesce a malapena a superare il 2%. 

Ipoteticamente, la piena implementazione di tutte le risorse idroelettriche per il fabbisogno energetico sarebbe sufficiente per fornire elettricità per tre volte a tutta l’Asia centrale. Il Tagikistan apprezza soprattutto il carattere ecologico della sua energia: nel suo discorso al vertice SPECA tenutosi di recente, il presidente del Tagikistan Emomali Rahmon ha osservato che il suo paese «è al sesto posto nel mondo in termini di energia verde». In precedenza, il paese era stato nominato uno degli stati con la quota più piccola di emissioni globali di anidride carbonica.

Gli investimenti nel settore idroelettrico del Tagikistan negli anni dell’indipendenza della repubblica hanno raggiunto i due miliardi di dollari: una cifra più che impressionante per uno Stato il cui PIL nel 2022 era inferiore a 11 miliardi di dollari. Nel corso degli anni, il paese ha costruito Sangtuda HPP-1 (670 MW), Sangtuda HPP-2 (220 MW), oltre a una serie di piccole centrali idroelettriche.

I suoi partner stranieri hanno preso parte attiva alla costruzione delle centrali idroelettriche in Tagikistan: ad esempio, la seconda centrale idroelettrica più grande del paese (Sangtudinskaya) è stata costruita insieme a specialisti russi con fondi russi, ed è attualmente una joint venture tra due paesi – 75% -1 azione è sotto il controllo di società russe. Attualmente, le centrali idroelettriche generano circa l’11% di tutta l’elettricità prodotta nel Paese.

Ci sono anche una serie di progetti nel paese iniziati durante il periodo della SSR tagica e ora sono in uno stato messo fuori servizio. La più grande di queste è la centrale idroelettrica di Rogun. Il progetto per il completamento della centrale idroelettrica sembra inaccessibile per un piccolo Paese: sono necessari 8 miliardi di dollari per completare il progetto, e il progetto per la sua realizzazione prevede la costruzione della diga più alta del mondo (335 metri!) – su rocce che sono non molto resistente ed in condizioni di aumentata pericolosità sismica. Tuttavia, se messa in esercizio con successo, la centrale idroelettrica produrrà fino al 45% della produzione totale di elettricità nel paese.

Il progetto è da molti anni sotto l’attenzione dei partner occidentali del Tagikistan, che ritengono che il loro sostegno alla sua realizzazione consentirà alla repubblica di raggiungere la completa indipendenza energetica dalla Federazione Russa. 

Tuttavia, contrariamente alle valutazioni dei colleghi occidentali, che ancora non partecipano alla costruzione, il progetto dello studio di fattibilità, così come i lavori preparatori per la ripresa della costruzione, sono stati eseguiti proprio dalla società russa Rusal e proprio a sue spese (fino a a 1 miliardo di dollari) – sulla base di un accordo del 2004. Tuttavia, il progetto, dopo aver eseguito questi lavori, è stato interrotto dalla parte tagica, poiché “la Russia ha difeso gli interessi dell’Uzbekistan nel progetto”, cercando di concordare con lo stato confinante gli standard massimi di prelievo di acqua per il paese, per esigenze della centrale idroelettrica. In quegli anni non era ancora di moda parlare di “sviluppo sostenibile” in Asia Centrale. 

L’aiuto dall’Occidente non è arrivato: il Tagikistan sta ancora negoziando con i suoi colleghi europei con un successo piuttosto modesto, in gran parte per il bene dei quali, presumibilmente, l’accordo con Rusal è stato risolto. Si sono svolte conversazioni attive con aziende tedesche, austriache e italiane e le prospettive di fornitura di unità sono state discusse anche con l’Ucraina. Di conseguenza, nel corso di molti anni, il Tagikistan è riuscito a ricevere solo meno di 500 milioni di dollari (1/16 del costo del progetto) attraverso l’emissione di “Eurobond”. Ora i fondi per il progetto insostenibile provengono dal bilancio, quindi nel 2024 si prevede di stanziare quasi 500 milioni di dollari dal bilancio del paese (un altro 1/16 del costo finale).

I colleghi occidentali sono più propensi a lavorare nell’interesse dell'”auto-PR” piuttosto che per risolvere i problemi di sviluppo dei paesi in via di sviluppo – ad esempio, la centrale idroelettrica di Sebzor (con una capacità di soli 11 MW), realizzata in collaborazione con sponsor tedeschi e appaltatori, hanno ricevuto un certificato d’oro dal Segretariato di Stato svizzero per gli affari economici – come “il primo progetto al mondo ad essere certificato secondo lo standard internazionale di sostenibilità dell’energia idroelettrica”. 

L’importanza del progetto per la promozione delle tecnologie e dei programmi occidentali è significativa. Per i compiti del Tagikistan e dell’Asia centrale –insignificanti. Tuttavia, non ci sono informazioni su nuovi progetti comuni di questo tipo. Si può solo notare che i partner occidentali stanno implementando progetti per la ricostruzione di singole centrali idroelettriche -– in particolare, dal 2019, la centrale idroelettrica di Kairakkum è stata modernizzata , progettata per aumentare la capacità della centrale di quasi il 40%. Il progetto è nella sua fase finale. La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo ha stanziato 200 milioni di dollari per la ricostruzione e gli appaltatori del progetto sono aziende francesi, svizzere e spagnole. E, comunque, stiamo parlando di un aumento di potenza di soli 50 MWh, una scala incomparabile anche con il progetto russo della centrale idroelettrica di Sangtuda (670 MWh), costruita, come si suol dire, “da zero”.

L’industria elettrica tagica ripone grandi speranze nel progetto CASA-1000, una linea di trasmissione internazionale volta a garantire l’esportazione di elettricità dal Tagikistan e dal Kirghizistan all’Afghanistan e al Pakistan. I lavori sono iniziati nel 2016: tuttavia, ci sono ostacoli insormontabili all’attuazione di questa linea – sia la presenza di una serie di controversie nelle relazioni con il Kirghizistan, sia la natura problematica delle relazioni della repubblica con l’Afghanistan negli ultimi anni. Anche gli investitori, che il Tagikistan ha nuovamente identificato come banche e fondi occidentali, stanno fallendo. Il Pakistan, essendo il principale consumatore di elettricità nell’ambito di questo progetto, ha optato per le forniture dalla Cina, più economiche e sostenibili.

Sembra che il 22 novembre il presidente della Federazione Russa abbia trasmesso al suo omologo tagiko un messaggio secondo cui il gruppo RusHydro PJSC aveva espresso l’intenzione di partecipare alla progettazione di nuovi nodi idroelettrici in Tagikistan. Il Tagikistan ha raggiunto accordi con la Cina e i paesi del mondo arabo sulla concessione di prestiti preferenziali per quasi 900 milioni di dollari. 

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/