Basilea III piace alla finanza islamica

45

EMIRATI ARABI UNITI – Dubai. 19/08/14. Altre banche islamiche si preparano a emettere sukuk AT1: S & P. A quanto pare gli accordi di Basilea III piacciono alle banche islamiche che in questo modo possono “naturalmente” aumentare i requisiti patrimoniali per rendere l’industria più resiliente.

E così come scrive oggi Emirates 247.com: «Altre banche islamiche sono tenute ad emanare sukuks di classe (AT1) citando come fonte l’agenzia di rating internazionale Standard & Poor Ratings Services».

«Negli ultimi due anni, abbiamo visto emissione di skunk Tier 1 da parte di tre banche islamiche negli Emirati Arabi Uniti per un totale di $ 2,5 miliardi. Gli emittenti di tali sukuk sostengono che si qualificano come aggiuntivi di classe 1 (AT1) capitale come indicato da Basilea III. Numerosissime le richieste dei Tier 1 sukuk emessi dai tre istituti di credito che hanno dato vita ad forte appetito del mercato.

Secondo S&P i requisiti patrimoniali riveduti dalla Islamic Financial Services Board (IFSB) per Basilea III rafforzeranno il settore della finanza islamica in quanto promuoveranno la capitalizzazione e liquidità di gestione delle banche islamiche.

Lo standard IFSB del 15 dicembre 2013 per le istituzioni finanziarie islamiche illustra come le banche islamiche implementeranno i requisiti in base a Basilea III. L’IFSB è in grado di rilasciare la sua nota di orientamento sui parametri e calcolo del liquidity coverage ratio e net stable funding ratio nei primi mesi del 2015.

Mohamed Damak analista per il credito di Standard & Poor ha dichiarato: « A nostro avviso, l’introduzione di un coefficiente di copertura della liquidità potrebbe affrontare alcune delle carenze di lunga data del settore, in particolare la mancanza di attività liquide di elevata qualità (HQLA). Il nostro scenario base-case presuppone che non ci saranno grandi cambiamenti nella qualità del capitale delle banche islamiche», che vediamo come forte, in media.
«Allo stesso tempo, riteniamo che l’innalzamento dei requisiti patrimoniali, attraverso l’introduzione di nuovi buffer di capitale contribuirà a rendere il settore più resistente», ha spiegato l’analista. Questi buffer in ultima analisi aiutano le banche islamiche per affrontare meglio la natura ciclica delle economie dei paesi in cui operano e le principali attività commerciali. La maggior parte delle istituzioni finanziarie islamiche che i tassi di S & P operano nelle economie emergenti e anche tendono ad avere un’esposizione abbastanza significativo al settore immobiliare. Mentre continuiamo a vedere la liquidità degli istituti finanziari islamici che noi come tasso adeguato, in media, riteniamo che l’attuazione di Basilea III crea un’opportunità per l’industria a sviluppare una nuova gamma di HQLA per affrontare la cronica mancanza di tali strumenti» ha aggiunto.

Negli ultimi anni, la Banca Centrale della Malaysia ha affrontato la mancanza di HQLA diventando il più grande emittente di sukuk a breve termine, fornendo alle banche islamiche malesi strumenti necessari e efficaci per la gestione della liquidità. Altre banche centrali, vedi l’International Islamic Liquidity Management Corporates (IILM), e la Islamic Development Bank (IDB) possono seguire l’esempio, immettendo sul mercato nuovi strumenti di gestione della liquidità. L’attuazione di Basilea III potrebbe anche incoraggiare sovrani e imprese con rating elevato a presentare i loro sukuk sui mercati sviluppati e per per l’inclusione HQLA.