SUDAN. Nessun negoziato con i ribelli delle RSF

40

L’8 maggio, il consigliere Abdel Fattah Al-Burhan ha affermato che non ci saranno negoziati né cessate il fuoco finché le paramilitari Forze di supporto rapido (RSF) non saranno sconfitte.

Al-Burhan, riporta The East African, che è anche comandante generale delle forze armate sudanesi (Saf), ha espresso queste osservazioni rivolgendosi a una forza militare nello stato del fiume Nilo, nel nord del Sudan, riporta una nota del consiglio sovrano ripresa dal quotidiano africano.

“Non ci saranno negoziati, pace e cessate il fuoco se non dopo aver sconfitto questa ribellione… così questo paese potrà vivere in pace”, ha detto Al-Burhan.

Le osservazioni di Al-Burhan sono arrivate il giorno dopo le violente battaglie tra Saf e RSF nello stato del Nord Kordofan, teatro oramai da anni degli scontri.

Martedì 7 maggio, il Saf ha annunciato sulla sua pagina Facebook che la quinta divisione di fanteria dell’esercito ha ottenuto vittorie a El Obeid, la capitale dello stato del Nord Kordofan.

La tregua però  si sta sgretolando nell’ultimo baluardo della resistenza dell’esercito sudanese nel Darfur. Nonostante questo, l’8 maggio la RSF ha dichiarato in un comunicato di aver respinto un attacco del Saf nello stato del Nord Kordofan.

Sono state avanzate numerose iniziative di pace per porre fine al conflitto armato in Sudan, anche da parte dell’Unione africana, dell’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (Igad), dell’Arabia Saudita e degli Stati Uniti, ma finora tutte hanno fallito.

Secondo le Nazioni Unite, metà della popolazione del Sudan, circa 25 milioni di persone, ha bisogno di assistenza umanitaria e protezione, con quasi 18 milioni di persone che affrontano una grave insicurezza alimentare.

Dallo scoppio del conflitto tra Saf e RSF, il 15 aprile 2023, si sono registrate circa 15.000 vittime, mentre il numero di sfollati dentro e fuori il Sudan ha raggiunto gli 8,2 milioni, secondo le recenti stime dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la Coordinamento degli affari umanitari (Ocha).

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/