SUDAN. Ecco perché questo conflitto riguarda il resto del Mondo

261

I combattimenti in Sudan stanno mettendo a rischio di collasso il paese e potrebbero avere conseguenze ben oltre i suoi confini. Entrambe le parti hanno decine di migliaia di combattenti, finanziatori stranieri, ricchezze minerarie e altre risorse che potrebbero isolarle dalle sanzioni. È la ricetta tipica di conflitto prolungato che ha devastato altri Paesi del Medio Oriente e dell’Africa, dal Libano alla Siria, dalla Libia all’Etiopia.

I combattimenti, iniziati mentre il Sudan cercava di passare alla democrazia, hanno già fatto centinaia di vittime e migliaia di feriti e lasciato milioni di persone intrappolate nelle aree urbane, in mezzo a conflitti a fuoco, esplosioni e combattimenti.

Ecco una griglia di prima lettura per orientarsi.

Chi guida le forze in campo sono due generali. Il generale Abdel Fattah Burhan, capo delle forze armate, e il generale Mohammed Hamdan Dagalo, leader di un gruppo paramilitare noto come Forze di Supporto Rapido, nato dalle milizie Janjaweed del Darfur, stanno cercando di prendere il controllo del Sudan. Ciò avviene due anni dopo che i due hanno effettuato congiuntamente un colpo di Stato militare e hanno fatto deragliare la transizione verso la democrazia che era iniziata dopo che i manifestanti nel 2019 avevano contribuito a spodestare Omar al-Bashir. Negli ultimi mesi erano in corso negoziati per un ritorno alla transizione democratica e ad un governo civile.

Chi vincerà questi ultimi scontri potrebbe diventare il prossimo presidente del Sudan. Sono possibili anche una guerra civile di lunga durata o la divisione del Paese africano.

Secondo la Tufts University, il conflitto dovrebbe essere visto come “il primo round di una guerra civile”, riporta AP: «A meno che non si ponga rapidamente fine al conflitto, questo diventerà un gioco a più livelli con attori regionali e internazionali che perseguono i loro interessi, utilizzando denaro, forniture di armi e possibilmente le loro truppe o i loro proxy».

Il Sudan è il terzo Paese africano per superficie e si trova a cavallo del fiume Nilo. Condivide con disagio le sue acque con l’Egitto e l’Etiopia. L’Egitto dipende dal Nilo per sostenere la sua popolazione di oltre 100 milioni di abitanti e l’Etiopia sta lavorando a una massiccia diga a monte che ha allarmato sia il Cairo che Khartoum.

L’Egitto ha stretti legami con l’esercito sudanese, che considera un alleato contro l’Etiopia. Il Cairo ha contattato entrambe le parti in Sudan per sollecitare un cessate il fuoco, ma è improbabile che rimanga da parte se l’esercito dovesse subire una sconfitta.

Il Sudan confina con altri cinque Paesi: Libia, Ciad, Repubblica Centrafricana, Eritrea e Sud Sudan, che si è separato nel 2011 portando con sé il 75% delle risorse petrolifere di Khartoum. Quasi tutti sono impantanati nei loro conflitti interni, con vari gruppi di ribelli che operano lungo i porosi confini.

«Ciò che accade in Sudan non rimarrà in Sudan», rirpota l’International Crisis Group. «Il Ciad e il Sud Sudan sembrano i paesi più a rischio di potenziali ricadute. Ma più a lungo i combattimenti si trascinano, più è probabile che si assista a un intervento esterno importante».

Negli ultimi anni i Paesi arabi del Golfo hanno guardato al Corno d’Africa per cercare di proiettare il loro potere nella regione. Gli Emirati Arabi Uniti hanno stretti legami con le Forze di supporto rapido, che hanno inviato migliaia di combattenti per aiutare gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita nella loro guerra contro gli Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen.

La Russia, invece, da tempo ha il progetto di costruire una base navale in grado di ospitare fino a 300 uomini e quattro navi a Port Sudan, su una rotta commerciale cruciale del Mar Rosso per le spedizioni di energia verso l’Europa.

Il Gruppo Wagner ha fatto breccia in Africa negli ultimi anni e ha operato in Sudan dal 2017. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno imposto sanzioni a due imprese di estrazione dell’oro legate a Wagner in Sudan, accusate di contrabbando.

Il Sudan è diventato un paria internazionale quando ha ospitato Osama bin Laden e altri militanti negli anni Novanta, quando al-Bashir aveva dato potere a un governo islamista.

Il suo isolamento si è aggravato con il conflitto nella regione occidentale del Darfur negli anni 2000, quando le forze sudanesi e i Janjaweed sono stati accusati di aver commesso atrocità nel reprimere una ribellione locale. La Corte penale internazionale ha infine accusato al-Bashir di genocidio.

Gli Stati Uniti hanno rimosso il Sudan dalla lista degli Stati sponsor del terrorismo dopo che il governo di Khartoum ha accettato di stringere legami con Israele nel 2020.

Ma miliardi di dollari in prestiti e aiuti sono stati sospesi dopo il colpo di stato militare del 2021. Questo, insieme alla guerra in Ucraina e all’inflazione globale, ha mandato l’economia in caduta libera.

I problemi economici del Sudan sembrerebbero offrire alle nazioni occidentali la possibilità di utilizzare le sanzioni economiche per fare pressione su entrambe le parti affinché si ritirino. Ma in Sudan, come in altre nazioni africane ricche di risorse, i gruppi armati si sono a lungo arricchiti attraverso il contrabbando di minerali rari e altre risorse naturali.

Dagalo, un tempo pastore di cammelli del Darfur, possiede vaste proprietà di bestiame e attività di estrazione dell’oro. Si ritiene anche che sia stato ben pagato dai Paesi del Golfo per il servizio prestato dalla Forza di reazione rapida nello Yemen contro i ribelli allineati all’Iran.

I militari controllano gran parte dell’economia e possono contare anche sugli uomini d’affari di Khartoum e delle rive del Nilo che si sono arricchiti durante il lungo governo di al-Bashir e che considerano le Forze di reazione rapida come rozzi guerrieri dell’entroterra.

L’elevato numero di aspiranti mediatori – tra cui gli Stati Uniti, le Nazioni Unite, l’Unione Europea, l’Egitto, i Paesi del Golfo, l’Unione Africana e la Cedeao – Igad potrebbe rendere qualsiasi sforzo di pace più complicato della guerra stessa.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/