SUDAFRICA. Pretoria arresterà Putin al vertice BRICS?

341

Il 16 marzo la Corte penale internazionale (Cpi) ha emesso un mandato di arresto nei confronti del presidente russo Vladimir Putin per la deportazione illegale di almeno 100 bambini ucraini.

Questo rappresenta uno spiacevole problema per il Sudafrica, che ospiterà la quindicesima edizione dei Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica) a Durban il 22-24 agosto di quest’anno, avendo invitato Putin, riporta BneIntelliNews.

Il Sudafrica è una delle 123 nazioni firmatarie della Corte penale internazionale, di cui 33 in Africa. In teoria, in quanto membro della Corte, il Sudafrica è obbligato, ai sensi dell’articolo 86 dello statuto della Cpi e del diritto interno, poiché il rispetto degli ordini della Cpi è scritto nella Costituzione sudafricana, a cooperare pienamente arrestando il presidente russo non appena scende dall’aereo e spedendolo all’Aia per il processo.

Ciò che rende così imbarazzante la situazione del governo del presidente Cyril Ramaphosa è che esso si è schierato a favore della Russia nella resa dei conti geopolitica con l’Occidente dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia poco più di un anno fa.

Come già detto in precedenza, diplomatici occidentali e russi hanno girato il mondo per cercare di ottenere sostegno, ma Pretoria ha respinto il Segretario di Stato americano Antony Blinken durante un recente viaggio e ha scelto di organizzare esercitazioni navali con i russi che sono iniziate il 24 febbraio, anniversario dell’inizio della guerra in Ucraina.

L’avvicinamento di Pretoria a Mosca è motivato dalle buone relazioni di lunga data e dal fatto che il Sudafrica si trova attualmente nel mezzo di una crisi energetica debilitante e sta chiedendo alla Russia di espandere la sua centrale nucleare, che la Russia ha anche promesso di finanziare.

Pretoria non è sicura di cosa fare e due settimane fa ha dichiarato di essere alla ricerca di un parere legale: «Siamo in attesa di un parere legale aggiornato sulla questione», ha dichiarato il 24 marzo il ministro sudafricano per le Relazioni internazionali e la cooperazione, Naledi Pandor, all’emittente statale SABC.

Rispettare gli obblighi nazionali e internazionali eseguendo il mandato d’arresto significherebbe alienarsi la Russia, con conseguenze bilaterali e legate ai Brics, soprattutto se si considerano i forti legami di Mosca con Pechino, un altro partner chiave per il Sudafrica. D’altro canto, accogliere Putin farebbe perdere al Paese la credibilità internazionale, con il rischio di perdere le condizioni commerciali preferenziali e il trattamento delle esportazioni verso gli Stati Uniti nell’ambito dell’African Growth and Opportunity Act, Agoa. Washington ha già utilizzato l’Agoa come strumento punitivo nei confronti di Etiopia, Gambia e Mali per “cambiamenti incostituzionali nei governi” e “gravi violazioni dei diritti umani riconosciuti a livello internazionale”. Attualmente il commercio del Sudafrica con gli Stati Uniti supera di gran lunga quello con la Russia.

Non è la prima volta che il Sudafrica si trova in questa situazione. Ha affrontato un dilemma simile nel 2015, quando il presidente sudanese Omar Al Bashir ha visitato il Paese per partecipare a un vertice dei capi di Stato dell’Unione Africana. In base agli obblighi della Corte penale internazionale, l’amministrazione Zuma era obbligata ad arrestare Al Bashir, accusato di violazioni del diritto umanitario internazionale e dei diritti umani nella regione sudanese del Darfur.

In quell’occasione Pretoria ha evitato il colpo e si è rifiutata di arrestarlo, adducendo l’immunità penale prevista dal diritto internazionale per i capi di Stato in carica. Il governo di Zuma ha notificato al Segretario generale delle Nazioni Unite la sua intenzione di ritirarsi dallo Statuto di Roma, il trattato istitutivo della Corte penale internazionale, ma questo stratagemma è saltato dopo essere stato respinto dall’Alta Corte sudafricana, che ha stabilito che il governo non aveva l’autorità di ritirarsi unilateralmente dall’accordo senza prima ottenere l’approvazione del Parlamento. Alla fine il governo di Zuma ha dovuto “ritirare il ritiro”.

La decisione ha violato sia il diritto internazionale che quello nazionale, in quanto le disposizioni relative a questa esenzione sono contenute nella Carta della Cpi, e il risultato è stato che il governo sudafricano è stato condannato dalla sua stessa società civile e in tribunale. Nel 2017, la Corte penale internazionale ha stabilito che il Sudafrica è venuto meno agli obblighi previsti dallo Statuto di Roma nei confronti della Corte, non arrestando e consegnando Al Bashir. La Corte, tuttavia, ha deciso di non approfondire la questione per ragioni pragmatiche.

Tuttavia, nel caso di Putin, sono disponibili diverse opzioni alternative per evitare un’altra serie di condanne internazionali e battaglie giudiziarie da parte della società civile per il mancato rispetto delle decisioni giudiziarie del Paese.

La soluzione più ovvia è quella di non invitare Putin e chiedere che la delegazione sia guidata dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov al posto di Putin. In secondo luogo, Putin potrebbe partecipare al vertice virtualmente, cosa che è diventata comune dopo la pandemia. Il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy continua a partecipare regolarmente a numerosi incontri internazionali in modo virtuale, data la difficoltà di lasciare una zona di guerra. Inoltre, è semplice per Putin firmare i documenti del vertice elettronicamente o dopo il vertice, se è richiesta una firma non elettronica.

Data l’incertezza della posizione legale e i grattacapi che ne derivano, è ormai improbabile che Putin partecipi di persona. Tuttavia, l’Africa è diventata sempre più importante per la Russia, che sta attivamente corteggiando i leader affinché si uniscano alla sua coalizione di non allineati.

La Russia ha appena ospitato 40 legislatori africani il 21 marzo a Mosca, nel bel mezzo della visita di Stato di tre giorni del presidente cinese Xi Jinping in Russia, dove Putin ha preso tempo dai suoi incontri con il leader cinese per parlare ai delegati, offrendo loro energia a basso costo, grano gratuito, energia nucleare e armi finanziate dalla Russia, oltre a ricordare loro il maltrattamento subito dalle potenze coloniali. La Russia intende inoltre organizzare un secondo vertice Russia-Africa a luglio a San Pietroburgo, a livello di capi di Stato, poco prima del vertice Brics. E come dimostrano i vari voti delle Nazioni Unite per condannare l’invasione russa dell’Ucraina, la Russia ha molto sostegno in Africa.

Il portavoce di Ramaphosa ha dichiarato che il Paese è consapevole dei suoi obblighi di arrestare Putin e consegnarlo alla Corte penale internazionale, mentre il ministro degli Esteri Naledi Pandor ha confermato l’invito a Putin a partecipare alla riunione dei Brics, osservando che il gabinetto dovrà decidere come rispondere in vista del mandato della Corte penale internazionale. Il governo deve bilanciare attentamente gli obblighi della Cpi, le responsabilità interne e le relazioni storicamente amichevoli con la Russia per evitare ripercussioni.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/