SUDAFRICA. Chiusura totale per tre settimane a causa del coronavirus

177

Il Sudafrica imporrà un blocco nazionale per tre settimane per cercare di contenere un’ondata di casi di coronavirus, che il 23 marzo è passato da 274 a 402 in un giorno.

Il presidente Cyril Ramaphosa ha detto che è stata «una misura decisiva per salvare milioni di sudafricani dall’infezione e salvare la vita di centinaia di migliaia di persone».

Ai 56 milioni di persone del Paese è stato detto di “restare a casa” dalla mezzanotte di giovedì fino alla mezzanotte del 16 aprile «per evitare una catastrofe umana di enormi proporzioni nel nostro Paese». Ma l’ordine non si applicherà a coloro che forniscono servizi essenziali, compresi gli operatori sanitari, la polizia e le persone coinvolte nella fornitura di beni, compreso il cibo.

Tutti i negozi e le attività commerciali saranno chiusi, ad eccezione di farmacie, laboratori, banche, servizi finanziari essenziali e di pagamento, compresa la Borsa di Johannesburg, supermercati, stazioni di servizio e fornitori di assistenza sanitaria, ha detto Ramaphosa.

«Gli individui non potranno lasciare le loro case se non in circostanze strettamente controllate, come ad esempio per cercare cure mediche, comprare cibo, medicine e altre forniture o raccogliere un sussidio sociale» ha detto Ramaphosa in un discorso televisivo trasmesso la sera del 23 marzo. L’esercito sarà schierato per sostenere la polizia nell’applicazione delle nuove restrizioni, ha dettovi presidente sudafricano, riporta Scmp

Il Sudafrica è il terzo paese africano ad imporre un blocco dopo che Ruanda e Tunisia hanno ordinato ai loro cittadini di rimanere a casa, ad eccezione delle attività economiche essenziali, in risposta al virus mortale.

L’isolamento arriva una settimana dopo che Ramaphosa ha dichiarato la pandemia del coronavirus un disastro nazionale e ha limitato i viaggi internazionali, ha proibito gli incontri di più di 100 persone e ha chiuso scuole e altre istituzioni educative per frenare il contagio.

La compagnia aerea nazionale South African Airways ha da allora sospeso tutti i voli internazionali e regionali per contribuire a fermare la diffusione della malattia che ha ucciso più di 16.000 persone e contagiato oltre 350.000 persone in tutto il mondo. Il Sudafrica, che ha uno dei migliori sistemi sanitari del continente, ha visto un picco di casi confermati – passando da 61 a 402 in soli otto giorni. Più della metà di questi pazienti si trova nella provincia di Gauteng, che comprende Johannesburg e la capitale Pretoria, che da lunedì ha registrato 207 casi.

Il Sud Africa ha ora il maggior numero di casi di coronavirus in Africa, superando l’Egitto.

Luigi Medici