Sud Sudan e Arabia Saudita amici-nemici

102

SUD SUDAN – Giuba. 13/08/13. Rapporti tesi tra il Sud Sudan e l’area del Golfo. L’ambasciatore sudanese a Riyad Abdulhafiz Ibrahim, ha detto che il divieto di transitare nello spazio aereo saudita dell’aereo del presidente Bashir nei giorni scorsi non incide sulle relazioni saudita-sudanesi.

La scorsa settimana, all’aereo che trasportava il Presidente Bashir è stato vietato di entrare nello spazio aereo saudita. la motivazione delle autorità saudite è stata che il veicolo non aveva tutte le carte in regola, i suoi permessi non erano conformi alla legge. A riferirlo l’Autorità generale dell’Arabia Saudita per l’aviazione civile (GACA). L’inviato sudanese non ha commentato il fatto ma ha detto che il suo paese ha istituito una commissione d’inchiesta per esaminare i dettagli relativi al problema. Il Presidente Bashir è stato trasferito, con un aereo noleggiato presso una società saudita, al posto del suo aereo presidenziale normale, mentre si stava dirigendo a Teheran per partecipare alla cerimonia di giuramento del nuovo presidente iraniano Hassan Rowhani quando il fatto è accaduto.

La commissione d’inchiesta esaminerà i vari aspetti in quanto tra le motivazioni saudite il fatto che l’aereo presidenziale era a rischio perché non dispone dell’autorizzazione necessaria per attraversare lo spazio aereo saudita. La scorsa settimana, un funzionario GACA ha spiegato che il governo sudanese non aveva presentato una domanda ufficiale per un permesso diplomatico per l’aereo, e che la domanda avrebbe dovuto essere presentata almeno 48 ore prima della partenza prevista del volo diplomatico.

«Questo è l’unico motivo per cui l’aereo è stato rimandato al mittente» ha detto, ed ha confutato le accuse che la mossa era legato a un mandato di arresto internazionale contro il presidente Bashir o alle relazioni del suo paese con Teheran.

Gli analisti di geopolitica dicono che sulla decisione delle autorità saudite di stoppate l’aereo presidenziale abbia inciso la decisione del Sudan di consentire a due navi da guerra iraniane di attraccare a Port Sudan lo scorso ottobre. fatto questo ultimo che aveva fatto infuriare i vicini arabi dello stato del Golfo. L’arrivo delle navi da guerra iraniane sostengono gli analisti, ha coinciso con il bombardamenti di Al-Yarmouk fabbrica militare di Khartoum, che ha portato alla speculazione sul costo delle armi li prodotte.

Sud Sudan e Arabia Saudita stando a tempo cercando di migliorare i rapporti di buon vicinato e a tal proposito lo scorso febbraio i due stati hanno dato vita a un nuovo accordo commerciale e hanno condotto una esercitazione navale congiunta. Le manovre navali congiunte sono state le prime del suo genere e sono state pensate per fungere da piattaforma per i futuri sforzi comuni volti a garantire il Mar Rosso e il rafforzamento delle relazioni tra il Sudan e l’Arabia Saudita, il Comandante della base navale di Port Sudan, l’ammiraglio Magdi Sayed Omer, ha condotto le esercitazioni.