STATI UNITI. Primo marinaio donna tra i commando dei SEAL

85

Per la prima volta, un marinaio donna ha completato con successo il corso di 37 settimane per diventare un marinaio della Naval Special Warfare combatant-craft, Swcc, gli operatori delle imbarcazioni che trasportano i Navy Seal e conducono le loro missioni classificate in mare.

Gli ufficiali della Marina hanno detto che non avrebbero identificato la donna o fornito ulteriori dettagli su di lei, una politica militare di routine per le forze di operazioni speciali. Questa è solo l’ultima incursione che le donne hanno fatto in alcuni settori delle operazioni speciali più difficili e competitivi dell’esercito, solo cinque anni dopo che tutti i posti di combattimento sono stati aperti anche a loro. Ora la neo diplomata farà parte di uno dei tre team speciali della Naval Special Warfare.

Delle 18 donne che hanno cercato di entrare nelle operazioni speciali della Marina Usa, 14 non hanno completato il corso. Tre di loro, tuttavia, sono attualmente ancora nei corsi di formazione, uno per Swcc e due che tentano di diventare Seal. Nel complesso, secondo la Marina, solo circa il 35% degli uomini e delle donne che iniziano l’addestramento per la Swcc effettivamente si diplomano. Un anno fa, una soldatessa è diventata la prima donna a completare il corso d’elite delle forze speciali dell’esercito e ad unirsi a una delle squadre di soli uomini dei berretti verdi.

Mentre i Navy Seal spesso si guadagnano i titoli dei giornali per le missioni ad alto rischio, l’equipaggio che gestisce le imbarcazioni e i sistemi d’arma durante i raid e le operazioni classificate passa anche attraverso un ampio processo di selezione e addestramento.

L’addestramento per diventare un membro dell’equipaggio delle imbarcazioni da combattimento viene dopo il reclutamento iniziale della Marina, e comprende un corso preparatorio di due mesi, un orientamento di tre settimane presso il Naval Special Warfare Center di Coronado, in California, e sette settimane in cui imparano la navigazione di base e l’abilità in acqua, così come il condizionamento fisico e la sicurezza. Alla fine di queste sette settimane c’è un impegno di 72 ore chiamato “The Tour”, che mette alla prova la loro grinta e tenacia fisica, questa fase è il punto di fallimento più frequente per i candidati.

Secondo Naval Special Warfare, circa 300 marinai completano il corso Swcc ogni anno, e ce ne sono oggi tra i 760 e gli 800.

Anna Lotti