STATI UNITI. La corsa per eliminare Huawei e ZTE dalla rete USA

124

Il Congresso degli Stati Uniti sembra destinato ad approvare uno stanziamento di 1,9 miliardi di dollari per finanziare un programma di rimozione delle apparecchiature di rete di telecomunicazioni di produzione cinese come parte dell’ultimo disegno di legge sullo stimolo della pandemia di coronavirus.

La Commissione Federale delle Comunicazioni degli Stati Uniti, Fcc, riporta Atf, ha dichiarato a giugno di aver formalmente designato come minacce la Huawei Technologies Company e la Zte Corporation della Cina, una dichiarazione che vieta alle aziende americane di attingere a un fondo governativo di 8,3 miliardi di dollari per acquistare attrezzature dalle aziende.

All’inizio di questo mese, la Fcc ha definito le regole che richiedono ai trasportatori con attrezzature Zte o Huawei di eliminare e sostituire tali attrezzature, ma è in attesa di finanziamenti da parte del Congresso.

Huawei ha detto all’inizio di questo mese di essere deluso dalla decisione della Fcc di «forzare la rimozione dei nostri prodotti dalle reti di telecomunicazione». L’azienda ha aggiunto che «questo eccesso di capacità di intervento mette a rischio i cittadini statunitensi nelle aree rurali, in gran parte scarsamente servite – durante una pandemia – quando una comunicazione affidabile è essenziale».

Huawei e Zte sono tra le decine di aziende cinesi, tra cui Smic, il più grande produttore di chip cinese, che sono state inserite nella lista nera del commercio del governo statunitense. In totale, circa 275 aziende e i loro affiliati sono inseriti nella cosiddetta Entity List, la stragrande maggioranza delle quali ha sede in Cina.

L’escalation della guerra commerciale con la Cina arriva appena qualche settimana prima dell’insediamento di Joe Biden come 46° presidente degli Stati Uniti il 20 gennaio.

Tuttavia, la sostituzione di Huawei e Zte è diventata un’industria enorme. La statunitense Ciena, ha dichiarato di aver raccolto i contratti dagli operatori di telecomunicazioni indiani, che, a suo dire, si stanno muovendo molto più velocemente dei mercati europei per mitigare la loro esposizione al produttore cinese di ingranaggi Huawei.

Nel frattempo, il Regno Unito ha detto che avrebbe speso più di 330 milioni di dollari per sostituire le attrezzature di Huawei dalle infrastrutture di telecomunicazione 5G nel paese. Circa 65 milioni di dollari di questi sarebbero stati spesi nel 2021, secondo i documenti del Tesoro britannico.

A novembre, Londra ha detto che a partire da settembre 2021 avrebbe vietato l’installazione di nuove apparecchiature Huawei nelle reti di telecomunicazione 5G. Ha bloccato Huawei a seguito delle sanzioni imposte alla Cina dagli Stati Uniti e dell’opposizione dei parlamentari conservatori che hanno citato le preoccupazioni per la sicurezza nazionale.

Lucia Giannini