STATI UNITI. Il Cyber Command cambia obiettivo: da ISIS alla Cina

70

Il Cyber Command degli Stati Uniti sta spostando la maggior parte della sua task force speciale contro lo Stato Islamico per concentrarsi maggiormente sugli attori statali, in particolare nella regione dell’Indo-Pacifico, cui il Comando e il Dipartimento della Difesa stanno dando la priorità.

La Joint Task Force-Ares è stata creata nel 2016 per combattere online Daesh come complemento alla coalizione globale che la combatteva in Iraq e Siria. La task force da allora ha subito diversi cambiamenti. La componente informatica dell’esercito è stata originariamente incaricata di guidare lo sforzo informatico congiunto, ma nel 2018 la responsabilità è passata al Marine Corps Forces Cyberspace Command, che ha permesso al team di concentrarsi non solo sullo Stato Islamico, ma più ampiamente sull’antiterrorismo a livello globale; concentrandosi ora sul confronto tra grandi potenze, in particolare nell’area di responsabilità del Comando Indo-Pacifico (Usindopacom), riporta C4isr.

In generale, il Cyber Command non prevede di cambiare le relazioni di comando e controllo o gli elementi organizzativi della forza di missione cibernetica ora che la Joint Task Force-Ares passa a concentrarsi maggiormente sugli attori statali.

Le capacità flessibili della Joint Task Force-Ares hanno permesso ai suoi membri di integrarsi e sostenere le operazioni nel Comando Centrale. Mentre la task force sposta la sua attenzione, cercherà di continuare il coordinamento con Incopacom, la 10th Fleet/Fleet Cyber Command e il Marine Corps Forces Cyberspace Command. Il Fleet Cyber Command è responsabile delle operazioni informatiche nella regione dell’Indo-Pacifico sotto il cosiddetto Joint Force Headquarters-Cyber construct, che fornisce pianificazione, targeting, intelligence e capacità informatiche ai comandi combattenti assegnati.

La decisione di spostare l’attenzione delle squadre segna una riflessione sul fatto che il Cyber Command deve adattarsi a un mondo che cambia, in cui le cosiddette grandi potenze sono una priorità maggiore delle organizzazioni terroristiche e che il Pentagono ha identificato la regione indopacifica come una priorità assoluta, dato che considera la Cina la “minaccia di punta”.

Tommaso Dal Passo