SRI LANKA. Riserve estere a zero e grave crisi politica

228

Le riserve estere utilizzabili dello Sri Lanka ammontano a meno di 50 milioni di dollari, secondo i dati del ministro delle Finanze di Colombo, mettendo in grave crisi l’economia del paese.

Il Ministro Ali Sabry ha detto al Parlamento dopo essere tornato da colloqui con il Fondo Monetario Internazionale, che qualsiasi programma di salvataggio del FMI, compreso uno strumento di finanziamento rapido necessario per risolvere urgentemente le carenze di beni essenziali, dipenderebbe dai negoziati sulla ristrutturazione del debito con i creditori e richiederebbe sei mesi per essere attuato. Lo Sri Lanka, sull’orlo della bancarotta, ha sospeso i pagamenti dei suoi prestiti esteri. Le sue condizioni economiche hanno portato a una crisi politica, con il governo che affronta una protesta e una mozione di sfiducia in Parlamento, riporta AP.

Il paese deve rimborsare quest’anno 7 miliardi di dollari dei 25 miliardi di dollari di prestiti esteri che deve pagare entro il 2026. Ali Sabri ha detto che le riserve dello Sri Lanka si sono attestate a 7,6 miliardi di dollari alla fine del 2019 e sono scese a 5,7 miliardi di dollari alla fine del 2020 perché i pagamenti hanno superato gli afflussi di valuta estera alla luce della pandemia. Le riserve sono scese a 3,1 miliardi di dollari entro la fine del 2021, e a 1,9 miliardi di dollari entro la fine di marzo, ha poi detto. Con poca valuta estera grazie al minore turismo e ad altre entrate, le riserve ufficiali sono state sfruttate per pagare l’importazione di beni di prima necessità tra cui carburante, gas, carbone e medicine a partire dall’agosto 2021.

La maggior parte delle riserve rimanenti dello Sri Lanka, compreso uno SWAP equivalente a 1 miliardo di dollari dalla Cina, non sono utilizzabili per regolare i pagamenti denominati in dollari. I commenti di Sabri sono arrivati un giorno dopo che il principale partito di opposizione del paese ha presentato una mozione di sfiducia che mira a spodestare il primo Ministro Mahinda Rajapaksa e il suo gabinetto.

L’opposizione United People’s Force accusa il governo di essere venuto meno al suo dovere costituzionale di fornire standard di vita decenti. Accusa gli alti funzionari del governo di aver stampato eccessivamente denaro, di aver danneggiato la produzione agricola vietando i fertilizzanti chimici per rendere la produzione completamente organica e minimizzare i costi di importazione, di non aver ordinato i vaccini Covid 19 in modo tempestivo e di averli acquistati in seguito a prezzi più alti. Non è stata ancora annunciata una data per il voto sulla mozione di sfiducia.

La crisi della valuta estera ha limitato le importazioni e causato gravi carenze di beni essenziali come carburante, gas da cucina, medicine e cibo.

Si sono diffuse proteste per chiedere le dimissioni di Mahinda Rajapaksa, che guida un clan influente che ha detenuto il potere per la maggior parte degli ultimi due decenni, e di suo fratello minore, il presidente Gotabaya Rajapaksa.

Finora, i fratelli Rajapaksa hanno resistito alle richieste di dimettersi, anche se altri tre Rajapaksa dei cinque che sono legislatori si sono dimessi dai loro posti di governo a metà aprile.

Lucia Giannini