Cina, spedizionieri in concorrenza

71

CINA – Pechino. 31/5/13. La crisi economica sta portando scompiglio nelle grandi compagnie spedizionieri. I due più grandi spedizionieri cinesi hanno alzato le tariffe ma per una volta i piccoli non si sono adeguati.

Con la crisi economica in atto i piccoli spedizionieri hanno deciso di fare la concorrenza ai grandi ritagliandosi così una fetta di mercato. L’alta stagione dei trasporti marittimi sta per aprire in Cina con annessa battaglia dei prezzi.  Il 20 maggio, Maersk Line, la più grande nave container operatore al mondo, ha annunciato che dal 1 ° luglio, potrebbe aumentare il prezzo per la spedizione su ogni container da 20 piedi a $ 750 su diverse rotte Asia-Europa. Ciò è avvenuto una settimana dopo che la compagnia di navigazione tedesca Hapag-Lloyd ha annunciato per le spedizioni in container di 20 piedi su percorsi simili un aumento a 1.000 dollari dal primo di luglio. Con ulteriori 500 dollari per tassa container che vengono spediti dal primo Agosto fino al 30 Settembre.

Aumenti dei prezzi nel settore dei trasporti marittimi non sono una novità. In passato, quando i vettori leader hanno alzato le loro tariffe, le compagnie di navigazione di piccole e medie dimensioni hanno seguito l’esempio per formare una sorta di cartello. Questo è successo sette volte nel corso del 2012. La cosa non si è ripetuta nel 2013. Le aziende più piccole stanno avendo dubbi sull’aumento di prezzo della Maersk-led e l’intesa informale sta cominciando a sgretolarsi. Le aziende più piccole che sono più vulnerabili a un mercato molto contratto non fanno più cartello astenendosi dal seguire aumenti dei prezzi delle aziende più grandi “, e in molti casi stanno abbassando i prezzi. A marzo e aprile i prezzi su queste rotte sono diminuite di oltre il 40 per cento. «La situazione della domanda e dell’offerta non è cambiata molto», ha detto Chen Ge ( ), un esperto nel settore del trasporto marittimo.

Ma ciò che preoccupa Chen Ge di più è la galoppante aggiunta di capacità di trasporto guidato da Maersk e China Shipping Container Lines (CSCL). Alla fine di aprile, CSCL ha ordinato cinque nuove navi in ​​grado di spedire 18.000 20-piede-contenitori. Dal 2011, Maersk ha ordinato 20 di queste navi. I dati di Braemar Seascope mostrano che nel primo trimestre del 2012, 30 navi capaci di spedizione dei 270.000 container completamente sono state ordinate – con una capacità pari a sei volte di più dello scorso anno.