SPAZIO. Vent’anni fa i primi uomini sulla Stazione Spaziale Internazionale

26

Il 31 ottobre è stato il 20° anniversario della presenza di esseri umani a bordo della Stazione Spaziale Internazionale mettendo in luce la cooperazione globale e le scoperte scientifiche oggi parte del quotidiano.

La Nasa e le agenzie spaziali di tutto il mondo hanno usato l’anniversario per sottolineare i risultati ottenuti nello spazio dalla fine delle missioni con equipaggio nello spazio profondo negli anni Settanta del XX secolo e il programma dello space shuttle nel 2011. Chi ha partecipato alla costruzione della stazione spaziale fa fatica a credere che sia stata abitata per due decenni

Senza la stazione spaziale, riporta Upi, all’umanità potrebbe mancare la conoscenza delle radiazioni spaziali, degli effetti della microgravità sulle persone e dei sistemi di supporto vitale per le uscite spaziali a lungo termine: vivere in un’orbita terrestre relativamente bassa è un passo cruciale verso le missioni sulla Luna e su Marte.

Nasa e Roskosmos hanno cooperato al progetto della stazione spaziale, dopo che le due nazioni hanno operato laboratori orbitanti, lo statunitense SkyLab, occupato per sole 24 settimane con lacune tra tre missioni, e la stazione spaziale russa Mir, occupata con due brevi lacune per 12 anni e mezzo.

La Nasa ha avuto centinaia di persone che hanno sostenuto il programma Iss in tempi diversi. Il complesso di ricerca orbitante, che si estende per tutta la lunghezza di un campo da calcio, equivale a una casa con cinque camere da letto, con una palestra, due bagni e una finestra a 360 gradi, la cupola, che permette la vista della Terra. Grandi matrici di pannelli solari alimentano i suoi sistemi, mentre i motori a propellente liquido dei razzi impediscono di perdere quota.

La stazione spaziale, che è costata più di 150 miliardi di dollari per la costruzione e costa alla Nasa oltre 3 miliardi di dollari all’anno, vola a più di 250 miglia sopra la Terra. Più di 240 persone provenienti da 19 nazioni sono state nel laboratorio spaziale, con oltre 100 nazioni che inviano progetti di ricerca o di istruzione. Gran parte della stazione spaziale è stata trasportata in sezioni dalla Florida dalla navetta spaziale, che ha anche traghettato regolarmente equipaggi da cinque a sette persone. Ciò significava più di una dozzina di persone a bordo a volte.

Quando il programma dello shuttle si è concluso nel 2011, la più piccola capsula russa Soyuz, lanciata dal cosmodromo russo in Kazakistan, era l’unico modo per raggiungere la stazione spaziale, due o tre persone alla volta. La Nasa dovrebbe lanciare quattro astronauti sulla stazione spaziale a novembre a bordo della nuova capsula Dragon di SpaceX. L’agenzia statunitense prevede che la stazione spaziale avrà una vita utile fino al 2030, anche se questa data non è necessariamente fissa.

Graziella Giangiulio