SPAZIO. Un veicolo NASA si è immerso nella Corona solare

93

Un veicolo spaziale della Nasa ha ufficialmente “toccato” il sole, immergendosi attraverso l’inesplorata atmosfera solare conosciuta come la corona.

Gli scienziati hanno annunciato la notizia la scorsa settimana durante una riunione dell’American Geophysical Union. La Parker Solar Probe ha effettivamente attraversato la corona nel mese di aprile durante l’ottavo approccio ravvicinato della sonda al sole. Gli scienziati hanno detto che ci sono voluti alcuni mesi per ottenere i dati e poi molti altri mesi per confermarli.

Lanciata nel 2018, riporta Times of Israel, Parker era a 13 milioni di chilometri dal centro del sole quando ha attraversato per la prima volta il confine frastagliato e irregolare tra l’atmosfera solare e il vento solare in uscita. Il veicolo spaziale si è immerso dentro e fuori la corona almeno tre volte, ognuna delle quali è stata una transizione morbida, secondo gli scienziati: «La prima e più drammatica volta siamo stati sotto per circa cinque ore … Ora si potrebbe pensare cinque ore, non sembrino molte» hanno detto gli scienziati. Parker si stava muovendo così velocemente che ha coperto una vasta distanza durante quel tempo, arrivando a più di 100 chilometri al secondo.

La corona è apparsa più polverosa del previsto: le future escursioni coronali aiuteranno gli scienziati a capire meglio l’origine del vento solare, ha detto, e come viene riscaldato e accelerato nello spazio.

Poiché il sole non ha una superficie solida, la corona è dove c’è l’azione; esplorare questa regione magneticamente intensa da vicino può aiutare gli scienziati a capire meglio le esplosioni solari che possono interferire con la vita sulla Terra. I dati preliminari suggeriscono che Parker si è immersa nella corona anche durante il suo nono approccio ravvicinato in agosto, ma gli scienziati hanno detto che sono necessarie ulteriori analisi. Ha fatto il suo decimo approccio ravvicinato il mese scorso.

Parker continuerà ad avvicinarsi sempre di più al sole e ad immergersi più profondamente nella corona fino alla sua orbita finale nel 2025. Le ultime scoperte sono state pubblicate dall’American Physical Society.

Maddalena Ingroia