SPAZIO. La corsa alla Luna e a Marte ha un solo interesse: le terre rare

155

Il razzo Space Launch System, definito il più potente veicolo di lancio mai costruito dagli Stati Uniti, ha portato la navicella spaziale Orion in orbita lunare il 16 marzo riaprendo la corsa allo Spazio.

La NASA ha dichiarato in un comunicato stampa che Artemis 1 segna il primo passo di un approccio di esplorazione Luna-Marte che mira a portare gli astronauti sulla Luna nel 2025 con un lancio Artemis 3 e su Marte entro la fine degli anni 2030 o 2040.

L’Orion non ha trasportato astronauti, ma tre manichini dotati di sensori che simulano un equipaggio di tre persone cercano di misurare lo stress fisiologico che gli astronauti potrebbero sperimentare nello spazio.

La missione Artemis 1 mira anche a testare i sistemi per un eventuale sbarco sulla Luna con equipaggio e altri sottosistemi, come lo scudo termico di Orion, che deve resistere a temperature di rientro fino a 2.760 gradi Celsius a una velocità di 39.429 chilometri orari.

Un altro obiettivo della missione è il lancio di dieci satelliti cubici in miniatura per mappare i depositi di ghiaccio sul polo sud della Luna, dove gli Stati Uniti intendono far atterrare gli astronauti nel 2025. La NASA prevede che la missione Artemis 1 duri 25 giorni e mezzo e culmini con l’ammaraggio dell’Orion nell’Oceano Pacifico il 9 dicembre 2022. La corsa allo spazio tra Stati Uniti e Cina ricorda la vecchia Guerra Fredda, ma è anche diversa per molti aspetti.

Se nella Guerra Fredda, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica avevano programmi di grandi dimensioni, ben finanziati e gestiti dall’esercito per sostenere le loro esigenze militari, mostrare la bandiera e raccogliere informazioni di intelligence e di allerta missilistica, oggi questo paradigma è cambiato con l’emergere della Cina come attore spaziale significativo negli anni 2000.

Gli Stati Uniti coinvolgono sempre più gli imprenditori spaziali e il settore privato e cercano di stabilire nuove norme per l’esplorazione spaziale.

La Cina sta sfidando questo modello attraverso un approccio di pianificazione centralizzata guidata dallo Stato e guidata da una forte volontà politica. Il programma spaziale cinese potrebbe essere incentrato sulla generazione di ricchezza attraverso la costruzione di un’economia spaziale.

Gli obiettivi spaziali della Cina si discostano dal modello “bandiere e impronte” delle missioni Apollo degli Stati Uniti attraverso obiettivi di ringiovanimento e sviluppo economico nazionale.

Nel 2020, la navicella cinese Chang’e 5 ha riportato sulla Terra i campioni di roccia lunare più giovani, i primi dopo la missione Luna 24 dell’Unione Sovietica nel 1976; il successo del recupero dei campioni è arrivato dopo la missione Chang’e 4 del 2019, che ha portato il rover lunare Yutu 2 sul lato oscuro della Luna, la prima missione nella regione lunare da parte di qualsiasi Paese.

La Cina sta pianificando di inviare i suoi taikonauti sulla Luna entro il 2030 utilizzando un razzo Long March 5 aggiornato, che utilizza motori di costruzione sovietica che la Cina ha acquistato dall’Ucraina.

Le missioni lunari sono in linea con il programma cinese di esplorazione della Luna in tre fasi: il “giro della luna”, lo “sbarco sulla luna” e la terza fase, il “ritorno dalla luna”.

Inoltre, il programma di esplorazione lunare cinese potrebbe avere una quarta fase, denominata “permanenza sulla Luna”, dato che Cina e Russia hanno in programma di creare una base lunare congiunta entro il 2027.

La base lunare congiunta di Cina e Russia, la Stazione Internazionale di Ricerca Lunare, è concepita come un complesso di strutture di ricerca e sperimentazione costruito con partner internazionali e progettato per attività scientifiche multidisciplinari e polivalenti.

La nuova corsa alla luna tra superpotenze potrebbe avere anche un aspetto economico significativo, che la Cina potrebbe cercare di enfatizzare rispetto agli scopi di prestigio nazionale.

La Luna possiede notevoli riserve di titanio e che il suolo lunare è ricco di elio-3, che può essere utilizzato come materia prima per la fusione nucleare che potrebbe teoricamente sostenere tutta l’attuale domanda di energia dell’umanità per millenni.

Tuttavia, attualmente è impossibile costruire strutture per l’estrazione delle risorse sulla Luna e inviare sulla Terra una quantità di suolo lunare sufficiente per un’estrazione di titanio ed elio-3 economicamente vantaggiosa. Le condizioni lunari e la mancanza di risorse utilizzabili, come l’acqua, potrebbero inoltre precludere lo sviluppo di impianti di estrazione e raffinazione delle risorse in situ.

Ma sia gli Stati Uniti che la Cina sembrano avere interesse per l’estrazione del potenziale minerario della Luna: ecco la nuova sfida.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW