SPAGNA. Nuovo attraversamento di massa a Melilla

75

Le autorità della città autonoma spagnola di Melilla hanno detto il 22 luglio che 238 uomini africani sono entrati nell’enclave spagnola nordafricana dopo aver scavalcato le recinzioni che la separano dal Marocco.

I migranti subsahariani in fuga dalla povertà o dalla violenza etnica o jihadista tentano regolarmente di forzare la loro strada oltre il confine lungo 12 chilometri a Melilla e nell’altra enclave spagnola nella costa nordafricana, Ceuta, come un trampolino di lancio per raggiungere il continente europeo. I migranti spesso tentano di attraversare in grandi gruppi per sorprendere gli agenti di polizia su entrambi i lati delle recinzioni.

In uno dei più grandi tentativi degli ultimi mesi, più di 300 maschi subsahariani hanno cercato di attraversare nelle prime ore di giovedì, secondo una dichiarazione della delegazione del governo spagnolo a Melilla, una città di 84.000 abitanti, riporta Ap. Le autorità iberiche hanno detto che i migranti portavano ganci per scalare le recinzioni e che tre agenti della Guardia Civil spagnola sono stati leggermente feriti quando hanno cercato di fermare i migranti.

I 238 che ce l’hanno fatta sono stati portati in un centro di trattamento dei migranti dove devono auto-isolarsi per prevenire la possibile diffusione del coronavirus. Di solito rimangono lì fino a quando le autorità possono capire se possono essere restituiti ai loro paesi o hanno le carte in regola per rimanere in Spagna.

La pressione dei migranti sul confine di Melilla è aumentata di recente, con almeno cinque tentativi di attraversamento da maggio, dopo che migliaia di persone, tra cui centinaia di bambini non accompagnati, hanno forzato la loro strada verso Ceuta, circa 400 chilometri più a ovest.

Questo episodio ha scatenato una disputa diplomatica tra Spagna e Marocco su diverse questioni ancora irrisolte. Madrid, dopo il più grande attraversamento delle recinzioni, ha schierato l’esercito nelle due exclave per cercare di arginare il fenomeno.

Maddalena Ingrao