SOMALIA. Si apre il baratro di una nuova guerra civile

245

La Somalia è sull’orlo di una nuova guerra civile. Diverse istituzioni e organizzazioni mettono in guardia sulla situazione del paese poiché la leadership in carica terrà elezioni unificate. L’opposizione ha promesso che terrà anche elezioni separate dopo l’annuncio del controverso comitato elettorale.

Oltre alle turbolenze politiche le forze statunitensi stanno lasciando il paese, il che significa che l’attore più significativo che stava giocando un ruolo più importante nella guerra contro al Shabaab sta ritirando le sue truppe dal paese che avrà senza dubbio un impatto sugli sforzi per contrastare l’offensiva di Shabaab. Recentemente l’ambasciatore degli Stati Uniti alla conferenza annuale del Somali Partinership Forum ha affermato che le prossime stagioni saranno difficili per la Somalia poiché al Shabaab si sta preparando a riconquistare il territorio perso nella Bassa Shabelle nel 2019 fino a Mogadiscio, riportano The Frontlines e Al Gwar Media Network.

Inoltre, la Somalia ha tagliato i legami che aveva con il Kenya in seguito alla situazione di stallo tra i due paesi. Il Kenya sta supportando le forze statali regionali dello Jubaland per riconquistare la regione di Gedo in cui il governo federale ha dispiegato molte forze per fermare le milizie dello Jubaland e le forze Kdf. Il Jubaland ha perso Gedo, che è principalmente abitato dal clan del leader in carica che vuole tenere comunque le elezioni parlamentari e quelle presidenziali a febbraio prossimo.

Nel settembre 2020 il governo federale della Somalia aveva concordato con gli Stati membri di tenere le elezioni parlamentari il 1° dicembre 2020. Il presidente Mohamed e i cinque presidenti degli Stati membri federali, Said Abdullahi Dani del Puntland, Ahmed Abdi Karie di Galmudug, Mohamed Abdi Ware di Hirshabelle, Abdiaziz Laftagareen di South West e Ahmed Madobe di Jubbaland più Omar Mohamud Mohamed, il sindaco di Mogadiscio ha accettato il 1° ottobre un modello di elezione indiretta, consentendo a 101 delegati dei clan di eleggere i membri del parlamento. La tempistica concordata prevedeva che 54 senatori della Camera alta e 275 deputati della Camera bassa sarebbero stati eletti entro la fine del 2020 ed era prevista una sessione congiunta del Parlamento per eleggere il presidente.

Nel dicembre 2020 i sostenitori dell’opposizione hanno marciato e manifestato a Mogadiscio denunciando il presidente Mohamed o i ritardi nelle elezioni per entrambe le camere del parlamento. Dopo aver saputo che tra il 16 e il 18 dicembre la Turchia aveva pianificato l’invio di un carico di armi e munizioni, tra cui 1.000 fucili d’assalto G3 e 150.000 proiettili ad Harma’ad, un’unità speciale della polizia somala, i leader dell’opposizione hanno scritto all’ambasciatore turco in Somalia per sollecitare il governo turco ad annullare il carico, temendo che Mohamed lo usasse per “dirottare” l’imminente campagna elettorale.

Le elezioni presidenziali si terranno in Somalia nel 2021. Il presidente in carica, Mohamed Abdullahi Mohamed, è in carica dal febbraio 2017. Nel gennaio 2019, l’ex presidente Sharif Sheikh Ahmed ha annunciato la sua candidatura alle elezioni, citando “l’incapacità dell’attuale leadership di ripristinare la pace e la sicurezza” contro i militanti di Al Shabaab, che all’epoca controllavano ancora grandi regioni rurali del Paese.

Un gruppo di 14 candidati presidenziali si era riunito a Mogadiscio per una conferenza di sei giorni a novembre, in occasione della quale è stato formato il Consiglio dei candidati presidenziali e Sharif Sheikh Ahmed è stato nominato presidente.

Graziella Giangiulio